Mutuo case all’asta: come funziona?

Sei alla ricerca di un mutuo per acquistare una casa all’asta giudiziaria? Di cosa si tratta e come funziona questo prodotto creditizio? A volte la ricerca il processo di acquisto di una casa può essere molto lungo e impegnativo e, alla fine, non si riesce mai a trovare un immobile che risponda a tutte le proprie esigenze, sia in termini di posizione, dimensioni e di prezzo. Spesso e volentieri, ci rivolgiamo alle agenzie immobiliari, ma gli oneri di intermediazione sono troppo elevati e incidono sul budget a disposizione per acquistare un immobile. Infatti, oltre al pagamento delle spese notarili, l’acquirente deve pagare una parcella all’agenzia immobiliare: circa il 3% sul valore dell’immobile. In realtà, esistono altre validissime alternative per comprare un immobile evitando l’intervento delle agenzie immobiliari: acquistare direttamente da un privato o tramite aste giudiziarie. Per chi è alla ricerca di una casa da acquistare, comprare una casa all’asta può essere la soluzione perfetta per risparmiare soldi ed evitare gli oneri di intermediazione immobiliare. Ecco la guida utile che ti spiega in dettaglio come funziona e quali sono i vantaggi derivanti dall’acquisto di un immobile all’asta giudiziaria.

Comprare una casa all’asta: di cosa si tratta?

Prima di entrare “nel vivo” della trattazione e scoprire i vantaggi di questa procedura di acquisto dei beni immobiliari, occorre capire che cosa sia un immobile all’asta. Da dove vengono queste case? Perchè costano meno? Si tratta di beni immobiliari che sono messi all’asta e provengono da fallimenti, finanziamenti o mutui non saldati dai proprietari al creditore: solitamente si tratta di una banca che chiede una pubblica vendita per recuperare il “quantum” spettante. Nella maggior parte dei casi, gli immobili possono essere in buono o in cattivo stato, a seconda della manutenzione e dello stato di conservazione da parte del proprietario-debitore. Purtroppo, a volte, possono riservare anche “brutte” sorprese, in quanto il debitore può “rivendicarsi” e cagionare danni al bene immobiliare. Per valutare se l’immobile fa al caso nostro, è necessario leggere attentamente e, in ogni minimo dettaglio, tutte le informazioni riportate sulla perizia redatta da un perito incaricato e nominato dal Tribunale. Tutte le informazioni riportate sulla perizia aiutano ogni potenziale acquirente a valutare accuratamente l’immobile: zona in cui è ubicato, stato di impianti, di rifiniture, di esposizione dei locali, etc. Per poter visionare il bene immobiliare all’asta, è bene rivolgersi al cosiddetto Custode, il cui nominativo è scritto sulle Ordinanze. Basta avanzare la richiesta allo stesso per poter visitare la casa, in modo tale da rendersi conto dello stato delle cose, della dimensione, della localizzazione, etc. Infatti, solitamente le perizie vengono redatte molti anni prima e le condizioni della casa possono variare in un batter d’occhio.

Acquistare case all’asta: step burocratici da compiere

Una volta che hai trovato una casa all’asta, si deve procedere con la preparazione della domanda di partecipazione: la si può compilare in carta semplice oppure scaricarla da Internet, applicandovi poi una marca da bollo da € 14,62. Sull’istanza devono essere compilati i seguenti campi:

  • dati anagrafici,
  • codice fiscale,
  • nome e il numero della procedura,
  • intenzione di avvalersi delle agevolazioni fiscali per la prima casa,
  • indicazione del lotto ai quali si vuole partecipare,
  • regime patrimoniale.

Si ricorda di inoltrare la domanda al Giudice Delegato, il cui indirizzo è riportato sulla scheda relativa all’asta scelta.

Mutuo casa all’asta: che cos’è e come richiederlo?

Vuoi acquistare una casa all’asta? Il primo grande vantaggio del comprare una casa all’asta riguarda il prezzo di acquisto, che può essere inferiore anche del 20% rispetto al valore reale dell’immobile. Inoltre, è possibile beneficiare della mancanza delle spese notarili, dato che l’asta viene indetta dal Giudice di un Tribunale. Si può richiedere un mutuo per acquistare una casa all’asta? Al quesito si deve dare risposta affermativa: è data la possibilità di richiedere un mutuo per l’acquisto di case all’asta alle stesse condizioni di un mutuo “tradizionale”, godendo delle stesse detrazioni fiscali per la prima casa o del Fondo Garanzia Prima Casa, nel caso di giovani acquirenti. In molti casi, si può beneficiare di Convenzioni siglate tra ABI ed i Tribunali proprio per stimolare il mercato di acquisto case all’asta. Prima di richiedere un mutuo su una casa all’asta, è opportuno collegarsi al sito Abi dove è possibile visualizzare l’elenco di istituti bancari convenzionati con i Tribunali e scegliere quello che offre le condizioni migliori per soddisfare le proprie esigenze. Nella maggior parte dei casi si tratta di banche che possono erogare mutui fino al 100% del prezzo di aggiudicazione della casa acquistata all’asta.

Vuoi richiedere un mutuo per acquistare una casa all’asta? Ecco come devi fare, segui questi semplicissimi step:

  • presentazione del bando di partecipazione all’asta;
  • allegare la documentazione anagrafica e reddituale;
  • allegare la perizia effettuata da un tecnico;
  • allegare la relazione notarile preliminare.

Una volta controllata tutta la documentazione pervenuta, la banca comunica all’istante l’esito della valutazione: nel caso affermativo, si stipulerà un preliminare di mutuo tra mutuatario e soggetto mutuante (banca). Il soggetto mutuante si impegna ad erogare il finanziamento e la garanzia ipotecaria viene accesa contestualmente al trasferimento del bene al nuovo proprietario.

NESSUN COMMENTO