Kazakistan, Presidente si dimette dopo 30 anni: paese strategico per energia

Terremoto politico in Kazakistan, ex repubblica socialista sovietica sita nel cuore dell’Asia e nota per la sua ricchezza di idrocarburi. Infatti, il presidente Nursultan Nazarbayev ha annunciato le sue dimissioni dopo quasi 30 anni alla guida del Paese.

Settantotto anni, Nazarbayev manterrà comunque ampi poteri grazie a una legge approvata nel 2018 e al suo status di “padre della nazione”. Che gli garantisce immunità giudiziaria e un ruolo influente. Quindi resterà di fatto il Presidente a vita.

Nazarbayev ha preso la guida del Paese proprio quando il muro di Berlino stava per cadere. Nel 1989. Preservando il suo ruolo anche dal 1991, quando il Kazakistan è diventato ufficialmente indipendente.

Come quasi tutte le repubbliche socialiste sovietiche, anche il Kazakistan ha conservato una leadership forte al potere dopo la fine del regime. Prevedendo quindi una democrazia più sulla carta che reale.

Nazarbayev è stato di fatti rieletto diverse volte con una maggioranza schiacciante (basti pensare che l’ultima volta si è aggiudicato il 97,7% dei voti). Non designando mai un successore.

Tuttavia, niente è eterno e anche lui è giunto al capolinea. Dopo il licenziamento del presidente del governo kazako, accusato di scarsi risultati economici. Le sue dimissioni hanno effetto a partire da mercoledì 20 marzo.

In realtà, le elezioni si sarebbero tenute tra un anno. E il fatto che Nazarbayev aveva promosso riforme e misure sociali – come l’aumento dello stipendio dei dipendenti pubblici – per rispondere al crescente malcontento della popolazione, aveva fatto credere in una sua rielezione.

Non solo potere ascetico comunque. Ex operaio siderurgico, Nazarbayev come presidente ha contribuito ad attirare decine di miliardi di dollari da società energetiche straniere e ha più che triplicato la produzione petrolifera kazaka.

Presidente kazako ad interim sarà l’attuale presidente del Senato Kasym-Zhomart Tokayev.

La notizia ha comunque attirato l’attenzione in primis della vicina Russia. Visto che, in linea anche in questo caso con le altre ex repubbliche socialiste sovietiche, anche il Kazakistan era rimasto sotto l’influenza russa. Infatti, fonti governative russe parlano di una decisione spiazzante e inaspettata.

La preoccupazione, probabilmente, è che anche questo paese possa allontanarsi dalla Russia. E avvicinarsi a posizioni più filo-occidentali. Come accaduto all’Ucraina. Con tutti i problemi civili, sociali ed economici che ciò ha comportato.

Anche l’Italia dovrà prestare attenzione agli accadimenti politici di questo paese, dato che di recente ha stretto alcuni accordi commerciali.

Basta solo fare una radiografia della sua situazione economica e delle sue risorse energetiche.

Kazakistan, la fiorente situazione economica

Il Kazakistan ha l’economia più grande e più forte in Asia centrale. Sostenuta dall’aumento della produzione petrolifera e dei prezzi, l’economia del Kazakistan è cresciuta in media dell’8% all’anno fino al 2013, prima di subire un rallentamento nel 2014 e 2015.

Il Kazakistan è stata la prima ex repubblica sovietica a rimborsare tutto il suo debito alla Monetaria Internazionale Fondo, 7 anni in anticipo rispetto al programma.

Sotto gli alti prezzi del greggio, i dati sulla crescita del PIL sono compresi tra l’8,9% e il 13,5% dal 2000 al 2007 prima di scendere all’1-3% nel 2008 e nel 2009, per poi risalire dal 2010.

Altre importanti esportazioni del Kazakistan includono grano, tessuti e bestiame. Il Kazakistan è uno dei principali esportatori di uranio.

L’economia del Kazakistan è cresciuta del 4,6% nel 2014. Il paese ha registrato un rallentamento della crescita economica a partire dal 2014, provocato dal calo dei prezzi del petrolio e dagli effetti della crisi ucraina

Il paese ha svalutato la sua moneta del 19% a febbraio 2014. Un’altra svalutazione del 22% si è verificata nell’agosto 2015. La situazione fiscale del Kazakistan è stabile. Il governo ha continuato a seguire una politica fiscale prudente, controllando la spesa di bilancio e accumulando risparmi sui proventi del petrolio nel suo Fondo petrolifero – Samruk-Kazyna.

La crisi finanziaria globale ha costretto il Kazakistan ad aumentare il suo indebitamento pubblico a sostegno dell’economia. Il debito pubblico è aumentato al 13,4% nel 2013 dall’8,7% nel 2008. Tra il 2012 e il 2013, il governo ha registrato un avanzo fiscale complessivo del 4,5%.

Il Kazakistan ha resistito bene alla crisi finanziaria globale combinando il rilassamento fiscale con la stabilizzazione monetaria. Nel 2009 il governo ha introdotto misure di sostegno su vasta scala come la ricapitalizzazione delle banche e il sostegno ai settori immobiliare e agricolo, nonché alle piccole e medie imprese (PMI).

Il valore totale dei programmi di stimolo ammontava a $ 21 miliardi, pari al 20% del PIL del paese, con $ 4 miliardi destinati a stabilizzare il settore finanziario. Durante la crisi economica mondiale, l’economia del Kazakistan è diminuita dell’1,2% nel 2009, mentre il tasso di crescita annuale è aumentato successivamente al 7,5% e al 5% rispettivamente nel 2011 e nel 2012.

La crescita economica, combinata con le precedenti riforme fiscali e del settore finanziario, ha drasticamente migliorato il finanziamento del governo dal livello di disavanzo del bilancio del 3,5% del PIL a disavanzo dell’1,2% del PIL nel 2003. Le entrate del governo sono cresciute dal 19,8% del PIL nel 1999 al 22,6% del PIL nel 2001, ma sono diminuite al 16,2% del PIL nel 2003.

L’energia è il principale settore economico. La produzione di petrolio greggio e condensato di gas naturale dai bacini petroliferi e gas del Kazakistan è stata pari a 79,2 milioni di tonnellate (77,9 milioni di tonnellate lunghe, 87,3 milioni di tonnellate corte) nel 2012 da 51,2 milioni di tonnellate (50,4 milioni di tonnellate lunghe, 56,4 milioni di tonnellate corte) nel 2003. Il Kazakistan ha aumentato le esportazioni di condensato di petrolio e gas a 44,3 milioni di tonnellate nel 2003, il 13% in più rispetto al 2002.

La produzione di gas in Kazakistan nel 2003 è stata di 13,9 miliardi di metri cubi (+4,7% rispetto al 2002). Compresa la produzione di gas naturale di di 7,3 miliardi di metri cubi (260 miliardi di piedi cubici). I

l Kazakistan detiene circa 4 miliardi di tonnellate (3,9 miliardi di tonnellate lunghe, 4,4 miliardi di tonnellate corte) di provate riserve di petrolio recuperabili e di 2.000 chilometri cubi (480 miglia cubiche) di gas. Secondo gli analisti del settore, l’espansione della produzione petrolifera e lo sviluppo di nuovi giacimenti consentiranno al paese di produrre fino a 3 milioni di barili (480.000 m3) al giorno entro il 2015 e il Kazakistan sarà tra i primi 10 paesi produttori di petrolio nel mondo.

Le esportazioni di petrolio del Kazakistan nel 2003 sono state valutate a oltre $ 7 miliardi, pari al 65% delle esportazioni complessive e al 24% del PIL. I principali giacimenti di petrolio e gas e le riserve di petrolio recuperabili sono Tengiz con 7 miliardi di barili (1,1 miliardi di metri cubi); Karachaganak con 8 miliardi di barili (1,3 miliardi di metri cubi) e 1.350 chilometri cubici (320 miglia cubiche) di gas naturale; e Kashagan con 7-9 miliardi di barili (1,4 miliardi di metri cubi).

Nel 2012 il Kazakistan ha attirato 14 miliardi di dollari di afflussi di investimenti diretti esteri nel paese con un tasso di crescita del 7%, rendendolo il posto più attraente da investire al di fuori del proprio paese.

Durante la prima metà del 2013, gli investimenti fissi del Kazakistan sono aumentati del 7,1% rispetto allo stesso periodo del 2012 per un totale di 2,8 trilioni di dollari ($ 18 miliardi di dollari).

Il Kazakistan è salito al 41 ° nell’indice di libertà economica del 2018 pubblicato dal Wall Street Journal e The Heritage Foundation. [114] L’economia del Kazakistan è cresciuta in media dell’8% all’anno negli ultimi dieci anni grazie alle esportazioni di idrocarburi [97]. Nonostante l’incertezza persistente dell’economia globale, l’economia del Kazakistan è rimasta stabile.

SHARE

LEAVE A REPLY