Pivot Points: cosa sono, come si interpretano, come si calcolano

Cosa sono i Pivot Points? Come funzionano i Pivot Points? Come si calcolano i Pivot Points? Come si interpretano i Pivot Points? A cosa servono i Pivot Points? I Pivot Points sono attendibili?

Per effettuare al meglio il trading online, il trader ha a disposizione una serie di strumenti per valutare l’andamento degli asset su cui ha deciso, o vuole decidere, di puntare. Nel novero dei più noti ed utilizzati, senza dubbio troviamo appunto i Pivot Points. Livelli di prezzo che si ottengono mediante l’applicazione dell’analisi tecnica e di semplici formule matematiche.

Il loro compito è quello di individuare i supporti e le resistenze di una seduta. Che siano validi anche per la seduta che viene successivamente. In particolare, nelle sedute di trading intraday, ossia quelle che si svolgono, come lascia presagire il nome stesso, nell’arco di una medesima giornata.

Ad introdurli per la prima volta fu Neil Weintraub.

Fatto questo piccolo cappello introduttivo sui Pivot Points, vediamo nello specifico cosa occorre sapere su questo utile e valido strumento per il trading.

Prima però di vedere cosa sono vogliamo esporre un concetto fondamentale. I grafici e le analisi fanno parte della vita di un trader e sono molto importanti. Ancora più importante è scegliere una piattaforma che sia regolamentata (in modo da non incappare in truffe) e che abbia tutti gli strumenti grafici necessari per poter investire e fare profitti. Dai sondaggi fatti fra i trader le due piattaforme migliori sotto questo punto di vista sono 24option (qui il sito ufficiale) e Plus500 (qui il sito ufficiale). Offrono delle piattaforme curate nei dettagli, con grafici ed indicatori dettagliati ma sopratutto semplici da usare.

Pivot Points cosa sono

Cosa sono i Pivot Points? Letteralmente traducibili in punto di svolta, si tratta di un indicatore di analisi tecnica, o calcoli, utilizzato per determinare l’andamento generale del mercato su intervalli di tempo diversi. Il Pivot Point stesso è semplicemente la media dei prezzi alti, bassi e di chiusura del giorno di negoziazione precedente.

Il giorno successivo, il trading al di sopra del pivot point indica un sentiment rialzista in corso, mentre il trading al di sotto del punto di rotazione indica un sentiment “bearish” (ossia orso, in ribasso).

Il punto di articolazione è la base per l’indicatore, ma include anche altri livelli di supporto e resistenza proiettati sulla base del calcolo del punto di rotazione. Tutti questi livelli aiutano i trader a vedere dove il prezzo potrebbe provare supporto o resistenza. Allo stesso modo, se il prezzo passa attraverso questi livelli, consente al trader di sapere che il prezzo è in trend in quella direzione.

Pivot Points come si interpretano

Come si interpretano i Pivot Points? Abbiamo diversi scenari:

  • Quando il prezzo di un asset è scambiato sopra il punto di pivot, indica che il giorno è rialzista o positivo
  • Quando il prezzo di un asset è scambiato al di sotto del pivot point, indica che il giorno è ribassista o negativo

L’indicatore include in genere quattro livelli aggiuntivi: S1, S2, R1 e R2. Questi stanno per supporto uno e due, e resistenza uno e due.

Il supporto e la resistenza uno e due possono causare inversioni, ma possono anche essere usati per confermare la tendenza. Ad esempio, se il prezzo scende e si sposta sotto S1, aiuta a confermare la tendenza al ribasso e indica una possibile continuazione a S2.

Pivot Points come si calcolano?

Come si calcolano i Pivot Points? La formula è questa:

P = High+Low+Close/3

E ancora:

  • R1=(P×2)−Low
  • R2=P+(High−Low)
  • S1=(P×2)−High
  • S2=P−(High−Low)

Dove:

  • P= Pivot Point
  • R1= Resistenza 1
  • R2= Resistenza 2
  • S1= Supporto 1
  • S2= Supporto 2

Occorre poi sapere che:

  • Alto: indica il prezzo elevato del giorno di negoziazione precedente
  • Basso: indica il prezzo del giorno di negoziazione precedente
  • Chiusura: indica il prezzo di chiusura del giorno di negoziazione precedente

Pivot Points perché importanti?

Perchè i Pivot Points sono importanti? In quanto sono un indicatore intraday per il trading di futures, materie prime e azioni. A differenza delle medie mobili o degli oscillatori, sono statici e rimangono agli stessi prezzi per tutto il giorno.

Ciò significa che gli operatori possono utilizzare i livelli per pianificare in anticipo il loro trading. Ad esempio, sanno che, se il prezzo scende al di sotto del pivot point, probabilmente si verificherà un cortocircuito all’inizio della sessione. Se il prezzo è superiore al punto di pivot, essi compreranno.

S1, S2, R1 e R2 possono essere utilizzati come prezzi obiettivo per tali operazioni, nonché livelli di stop loss. La combinazione di punti di rotazione con altri indicatori di tendenza è una pratica comune con i trader.

Un punto di articolazione che si sovrappone o converge anche con una media mobile di 50 periodi o di 200 periodi o con un livello di estensione di Fibonacci diventa un livello di supporto / resistenza più forte.

Pivot Points e Ritracciamenti di Fibonacci differenze

Quali sono le differenze tra Pivot Points e Ritracciamenti di Fibonacci? Entrambi disegnano linee orizzontali per contrassegnare potenziali aree di supporto e resistenza. Quindi sono facilmente confondibili.

Il livello di ritracciamento e di estensione di Fibonacci può essere creato collegando qualsiasi punto di prezzo su un grafico. Una volta scelti i livelli, le linee vengono disegnate in percentuale dell’intervallo di prezzo selezionato. I punti di snodo non utilizzano percentuali e si basano su numeri fissi: il massimo, il minimo e la chiusura del giorno precedente.

Pivot Points è affidabile?

Quali sono i limiti Pivot Points? Essi si basano su un semplice calcolo e, mentre funzionano per alcuni trader, altri potrebbero non trovarli utili. Non vi è alcuna garanzia che il prezzo si fermerà a, invertire o addirittura raggiungere i livelli creati sul grafico.

Altre volte il prezzo si sposta avanti e indietro attraverso un livello. Come con tutti gli indicatori, dovrebbe essere usato solo come parte di un piano di trading completo.

La raccomandazione è sempre quella di utilizzare più indicatori, in quanto ognuno ci fornirà dettagli diversi sul trading di un determinato lasso di tempo. Mentre tutti insieme ci forniranno un quadro completo.

Pivot Points quando si usano

Quando si usano i Pivot Points? Essi sono stati inizialmente utilizzati su titoli e mercati a termine, sebbene l’indicatore sia stato ampiamente adattato alle negoziazioni giornaliere del mercato forex.

I punti di vendita hanno il vantaggio di essere un indicatore principale, il che significa che gli operatori possono utilizzare l’indicatore per valutare potenziali punti di svolta nel mercato in anticipo. Possono fungere da obiettivi di trade entry stessi usandoli come supporto o resistenza, o come livelli per stop-loss e / o livelli take-profit.

A questo punto, dovrebbe sembrare abbastanza semplice che i punti di rotazione siano usati come potenziali punti di svolta nel mercato. L’adozione di negoziazioni a questi livelli nella direzione dell’inversione prevista è una strategia tecnica molto comune. Per migliorare la redditività di questa strategia, i trader legheranno la strategia dei punti pivot ad altri indicatori.

Ad esempio, si potrebbe usare una media mobile semplice di 50 periodi per valutare la tendenza e basare le proprie negoziazioni solo nella direzione di quella tendenza. Inoltre, invece di prendere il primo tocco di un livello di rotazione, si potrebbe richiedere un tocco secondario per la conferma che il livello è valido come un punto di svolta.

Quando i dati o le notizie stanno uscendo, il volume aumenta notevolmente e il precedente movimento di negoziazione e il supporto intraday e i livelli di resistenza possono rapidamente diventare obsoleti. Sulla grande barra verde, il prezzo era effettivamente compreso tra i due livelli di rotazione. Ma se stessimo scambiando ogni tocco dei perni, avremmo fatto un trade lungo e breve entro cinque minuti. Dopo quel punto, il mercato è diventato decisamente ribassista e ha perso costantemente, non mostrando alcuna sensibilità ai punti di rotazione.

Quindi devi essere attento e assicurati di non cercare di scambiare livelli che il mercato non ha intenzione di rispettare quando è presente un grande volume nel mercato. Se dovessimo scrivere le nostre regole per questo sistema:

  1. Se la media mobile semplice a 50 periodi è inclinata positivamente, prendi solo negoziazioni lunghe
  2. Se la media mobile semplice a 50 periodi è in pendenza negativa, prendi solo operazioni a breve termine.

Prendete trade su un tocco secondario del livello di rotazione dopo aver affermato che il tocco primario è un rifiuto del livello. Questo sarà applicato a un grafico di 5 minuti, ma può anche essere applicato a compressioni di tempo più alte (o più basse). Per i trader giornalieri, che utilizzano punti di rotazione giornalieri, l’uso della tabella da 5 minuti all’ora è più ragionevole.

I trader di oscillazioni potrebbero utilizzare i punti di snodo settimanali sarebbe meglio applicare la strategia sul grafico giornaliero da quattro ore a quello giornaliero.

Gli operatori di posizione probabilmente sarebbero meglio adatti a utilizzare punti di rotazione mensili sul grafico giornaliero o settimanale. Ma questo è un sistema abbastanza semplice che può essere efficace.

Migliori piattaforme con grafici ed indicatori

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD su bitcoin,azioni,forexRendimenti elevatiISCRIVITI
plus500CFD su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
etoroCFD, criptovaluteSocial trading, copyportfolioISCRIVITI
xmConti Zero spreadGuide e tutorialISCRIVITI

NESSUN COMMENTO