Il Greggio crolla dopo la decisione dell’OPEC

L’OPEC ha deciso di non tagliare la produzione. Questo significa che di petrolio, ce ne sarà molto, molto di più. E quindi quando c’è molta offerta, e la domanda è in calo, il prezzo è condannato a scendere. E’ proprio il caso del petrolio, che fa un tonfo importante sui mercati:

grafico-azioni-petrolio-dic-2015

I mercati sono rimasti molto incerti durante la giornata di venerdì, dopo che una sessione molto volatile di giovedì ha scosso tutti i mercati finanziari, che come sappiamo, sono stati prevalentemente mossi dalle Banche Centrali durante questa settimana.

La price action di venerdì, è stata senza alcuna ombra di dubbio controllata dalla reazione nervosa all’annuncio fatto dalla Banca Centrale Europea e dal Non Farm Payrolls annunciato dalla Fed, ha peggiorato le cose ovviamente anche l’annuncio dell’OPEC. E’ stata senza dubbio una settimana piena di avvenimenti, e adesso cercheremo di fare un riassunto, con uno sguardo al futuro, di quello che è successo durante la scorsa settimana.

I futures di gennaio del petrolio greggio hanno registrato una deludente prestazione, il commercio è stato pressoché bilaterale dopo che l’OPEC ha annunciato di aver accettato di avviare la sua politica di mantenere la produzione di greggio stabile, al fine di mantenere le quote di mercato attuali ed innalzare lievemente la produzione.

Alcune fonti Opec hanno affermato che è stato accettato di aumentare il suo tetto di produzione a 31,5 milioni di barili al giorno nella riunione di Vienna, in quello che sembrava essere un riconoscimento efficace per la produzione esistente.

La decisione è stata ampiamente prevista, in quanto da poco è stato riferito che l’offerta OPEC è salita nel mese di novembre a 31.77 milioni di barili al giorno da 31,64 milioni nel mese di ottobre.

I Futures dell’oro Comex di febbraio sono saliti al rialzo, scalzando il massimo precedente a $ 1.087, cambiando quindi estremamente il trend giornaliero su chart. Le condizioni tecniche ipervenduto e il dollaro molto debole, sono stati i principali agenti scatenanti.

L’euro e la sterlina inglese sono stati sotto pressione durante la giornata di Venerdì, dopo le movimentazioni importanti dell’ultima parte della settimana. Le coppie EUR / USD e GBP / USD sono salite durante la giornata di giovedi dopo che la Banca centrale europea ha annunciato un inaspettato pacchetto di stimolo, più contenuto del previsto. Vediamo com’è la situazione nel Forex:
EUR/USD    1,0880    -0,0062    -0,56%
EUR/CHF    1,0850    -0,0022    -0,21%
GBP/USD    1,5112    -0,0031    -0,21%
EUR/GBP    0,7194    -0,0030    -0,41%
USD/CHF    0,9968    +0,0032    +0,33%
USD/JPY    123,11    +0,54    +0,44%
EUR/JPY    133,91    -0,21    -0,15%
BTC/USD    367,12    +9,77    +2,73%

NESSUN COMMENTO