Il titolo Volkswagen sbanda dopo taglio stime crescita

Lunedì nero per le azioni della casa automobilistica con sede a Wolfsburg che hanno lasciato sul terreno il 4,1%, chiudendo la seduta a 175,94 euro. Il titolo del colosso tedesco ha inoltre toccato un minimo a due settimane a quota 174,14 euro, trascinando al ribasso tutte le azioni del comparto auto del Vecchio Continente.

Le vendite si sono accanite contro Volkswagen, peggior titolo sul Dax 30, dopo che il management del gruppo ha abbassato le stime su entrate ed utile al 2020. Non si è tuttavia trattato di un vero Profit Warning, bensì una revisione una correzione al ribasso della crescita, anche se il mercato lo ha recepito come un vero e proprio allarme utili.

Nei dettagli la crescita dell’utile attesa è stata tagliata da +30% a +25%, mentre quella dei ricavi è stata abbassata da +25% a +20%. Confermati, invece, i target di utile operativo in rapporto con il fatturato, attesi tra il 6,5% ed il 7,5% nel 2020, e tra il 7% e l’8% fino al 2025. La revisione dell’outlook di medio termine, hanno fatto sapere i manager si è resa obbligatoria per colpa del difficile contesto economico globale con cui il settore auto dovrà fare i conti il prossimo anno.

Molti analisti hanno inoltre puntato il dito contro la strategia green che Volkswagen ha dichiarato di voler intraprendere entro il 2024, ritenendola troppo aggressiva. Il gruppo tedesco ha infatti dichiarato che entro il 2024 investirà ben 60 miliardi di euro per lo sviluppo dell’elettrico e le tecnologie digitali. Gli esperti temono che l’eccessiva spesa possa erodere margini ed utili. Gli investimenti annunciati contemplano la costruzione di ben 75 modelli di auto elettriche e circa 60 modelli di veicoli ibridi, prevedendo entro il 2029, di realizzare 26 milioni di auto elettriche, 20 delle quali sfrutteranno la piattaforma elettrica MEB, fiore all’occhiello del gruppo.

E’ una situazione molto favorevole per chi vuole fare trading sul titolo. Una delle soluzioni migliori, che molti trader stanno adottando, è quella di di utilizzare il broker 24option. Si tratta di un broker regolato che offre una serie di servizi innovativi e gratuiti come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per decidere quali operazioni fare. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento azioni Volkswagen nel breve-medio periodo


Come in grande evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, il titolo Volkswagen si è appoggiato sul primo supporto daily rappresentato dalla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che passa in area 174,55 euro, in prossimità del minimo odierno.

La discesa del prezzo è stata inoltre accompagnata da un netto aumento del volume di scambio, in crescita di poco più del 65% rispetto a quello della sessione precedente. Ciò significa che vi è stato molta convinzione da parte degli investitori nel vendere il titolo, anche se altri avranno approfittato della discesa per aprire posizioni al rialzo, con la speranza di un pronto recupero.

Le quotazioni, in caso di perdita del sostegno appena segnalato che transita su EMA 25 potrebbero scivolare verso il sostegno di breve-medio periodo individuato nella media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che si colloca in area 167,55 euro. Sotto EMA 50, in chiusura giornaliera o peggio ancora settimanale, attesi ulteriori affondi con possibile target in area 158-155 euro.

Lo scenario ribassista appena segnalato potrebbe venir meno in caso di tenuta del supporto intermedio appena segnalato (EMA 25) accompagnato da un possibile ritorno oltre la media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che passa in area 179,45 euro. Sopra EMA 10 in chiusura settimanale, attesi ulteriori rialzi verso area 184-185 euro.

Pattern di trading sul titolo Volkswagen (VOW) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di recupero oltre 176,75€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 178,85 e 180,65 euro; stop loss in caso di discesa sotto 173,90€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 180,65€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 181,35 e successivamente 182,45€; stop loss in caso di ritorno sotto 176,75€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 182,45€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 184,25 e 185,25 euro, estesi a 187,20 euro; stop loss in caso di ritorno sotto 180,65€ in close orario o giornaliero. Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 165,75€, in ottica di rimbalzo a 167,45 e 169,35 euro esteso a 171,75€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 162,50€ in chiusura daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 173,90€ e consiglia di prendere i primi profitti a quota 172,85 e successivamente a quota 171,75 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 176,75€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 171,75€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 170,45€ e successivamente a 169,35€; stop loss in caso di ritorno sopra 174,15€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 169,35€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 168,45 e 167,45 euro, estesa a 165,75 euro; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 171,75€ in close orario o daily. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 187,20€, per sfruttare eventuali correzioni a 185,25 182,45 euro, estese a 181,35€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 190,30€ in chiusura di candela giornaliera.

SHARE

LEAVE A REPLY