FedEx taglia le stime sui conti dell’anno fiscale 2020 ed il titolo crolla a Wall Street

Seduta da dimenticare per le azioni del colosso statunitense attivo nei trasporti e specializzato in spedizioni e servizi logistici, che al momento della scrittura cede quasi il 14%, passando di mano in area 149 dollari. Il crollo del titolo Fedex è stato causato dal Profit Warning lanciato dal management del gruppo sui conti dell’anno fiscale 2020. Il CEO della società, Frederick W. Smith, ha reso noto che gli obiettivi di bilancio non potranno essere rispettati principalmente a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, che stanno minando l’economia globale. I vertici dell’azienda hanno inoltre parlato di problemi economici soprattutto in Asia e in Europa.

Smith ha inoltre puntato il dito contro Amazon, che da ex cliente si è trasformato in un acerrimo concorrente con la piattaforma Amazon Prime. Anche se i ricavi di Fedex dal cliente Amazon rappresentavano solo una piccola porzione dei suoi ricavi è innegabile che l’arrivo di un nuovo rivale non è assolutamente da sottovalutare.

Un primo campanello d’allarme sui conti era arrivato con l’ultima trimestrale, che nei tre mesi terminati il 31 Agosto aveva evidenziato un utile adjusted pari a 3,05 dollari per azione, deludendo le attese degli analisti, che invece davano un risultato pari a 3,15 dollari per azione. Nel periodo in esame, invece, i ricavi si erano assestati a 17,5 miliardi di dollari, a dispetto dei 17,06 miliardi di dollari del consensus.

L’outlook sull’utile per l’intero esercizio fiscale, fino al 31 Maggio 2020, è stato pertanto tagliato per una misura compresa tra il 16% ed il 29%, ipotizzando un utile per azione diluted tra i 10 ed i 12 dollari.

Come spesso accade le case d’affari non hanno perso tempo a tagliare il target price atteso sul titolo, come ha fatto la banca d’investimenti JP Morgan che ha rivisto il proprio giudizio sulle azioni Fedex a 146 dollari dai 168 dollari della precedente valutazione, mantenendo il giudizio Neutral.

E’ una situazione molto favorevole per chi vuole fare trading sul titolo. Una delle soluzioni migliori, che molti trader stanno adottando, è quella di di utilizzare il broker 24option. Si tratta di un broker regolato che offre una serie di servizi innovativi e gratuiti come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per decidere quali operazioni fare. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento azioni FedEx sul breve-medio periodo


Il forte calo ha riportato le quotazioni di Fedex al di sotto delle medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 giorni, deteriorando sensibilmente il quadro tecnico sul titolo. Il prezzo è crollato su un momentaneo minimo intraday a quota 148,50 dollari, bissando i minimi toccati sul finale dello scorso mese, rimangiandosi in un solo colpo il rialzo che durava da tre settimane ed aveva riportato le quotazioni sopra quota 176 dollari.

Allarme rosso, quindi, in caso di rottura del supporto statico individuato in area 148-147 dollari, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, un’eventualità che potrebbe causare ulteriori scivoloni in area 135-130 dollari.Lo scenario ribassista appena descritto, oltre che dalla tenuta dei supporti appena indicati, potrebbe essere allontanato in caso di ritorno al di sopra delle medie mobili di riferimento a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea di colore verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto che al momento transitano in area 163,80-163,70 dollari.

In area 166 dollari passa invece la media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che se superata potrebbe favorire il ritorno sui recenti massimi di Settembre, segnalati in precedenza.

Pattern di trading sul titolo Fedex (FDX) valido da 1 a 5 giorni

L’apertura del pattern rialzista necessita di un ritorno oltre 151,95$ in chiusura oraria e pronostica i primi due obiettivi in area 152,85 e 154,40 dollari; stop loss in caso di discesa sotto 148$ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le posizioni Long in caso di break-out orario di 154,40$, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 155,45$ e successivamente a 157$; stop loss in caso di ritorno sotto 151,95$ in close orario.

Ed ancora, si consiglia di attivare nuove posizioni al rialzo in caso di estensioni oltre 157$ in chiusura oraria o daily, per sfruttare eventuali allunghi in area 158,55 e 159,55 dollari, estesa a 161,15$; stop loss in caso di ritorno sotto 153,50$ in close orario o giornaliero.Long sulla debolezza in caso di affondo in area 139,55$, per approfittare di eventuali rimbalzi, prima a 140,95$ ed in seconda battuta a 141,85$, estesi a 143,25$; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 138$ in chiusura oraria o daily.

Il pattern ribassista, invece, prende quota in caso di discesa sotto 148$ in chiusura di candela oraria e fissa i primi due target price in area 147,10 e 145,65 dollari ; stop loss in caso di recupero oltre 151,95$ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di flessione sotto 145,65$ in close orario, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a 144,70$ e successivamente a 143,25$; stop loss in caso di ritorno sopra 148,50$ in close orario.

Lecito insistere con nuove operazioni al ribasso in caso di rottura del supporto orario a 143,25$, per sfruttare possibili affondi in area 141,85 e 140,95 dollari, estesi a 139,55$; stop loss in caso di ritorno sopra 145,65$ in close orario o daily. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 161,15$, per approfittare di eventuali correzioni di prezzo in prima battuta a 159,55$ ed in un secondo momento a 157$ estese a 154,40$; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 162,65$ in close orario o giornaliero.

SHARE

LEAVE A REPLY