ENI (ENI)
L’Eni, acronimo di Ente Nazionale Idrocarburi, è un’azienda multinazionale creata dallo Stato Italiano come ente pubblico nel 1953 sotto la presidenza di Enrico Mattei, che fu presidente fino alla morte nel 1962, convertita in società per azioni nel 1992.

Azioni ENI Banca in tempo reale

Eni ha chiuso il terzo trimestre dell’anno con un utile netto adjusted in forte crescita a 1,39 miliardi di euro a fronte dei 230 milioni dell’analogo periodo del 2017. Superate le attese di mercato. Cala l’indebitamento del gruppo.

Eni, utile trimestrale batte le attese

Eni ha archiviato il terzo trimestre dell’anno con un utile netto adjusted in crescita a quota 1,39 miliardi di euro rispetto ai 230 milioni registrati nello stesso periodo del precedente esercizio, superando le stime degli analisti ferme a 1,1 miliardi.
Con riguardo ai primi nove mesi del 2018, i profitti hanno raggiunto i 3,13 miliardi di euro, battendo le previsioni di mercato (2,84 miliardi) e più che raddoppiando i dati del 2017.
Entrando nel dettaglio dei conti del gruppo guidato dall’amministratore delegato Claudio Descalzi, l’utile operativo adjusted trimestrale è salito a 3,3 miliardi di euro, spingendosi a quota 8,25 miliardi nei nove mesi, superando in entrambi i casi il consensus di mercato.

L’utile netto nel terzo trimestre è cresciuto a quota 1,53 miliardi di euro e nei primi nove mesi a 3,73 miliardi.
Il flusso di cassa operativo si è attestato a 4,1 miliardi nel terzo trimestre ed a quota 9,32 miliardi nel periodo gennaio-settembre 2018.

Per quanto concerne infine gli investimenti netti nei primi nove mesi, sono stati pari a 5,52 miliardi di euro.

Eni debito in calo, Gas & Power in crescita

Gli incassi netti operativi sono praticamente raddoppiati rispetto allo stesso trimestre dello scorso esercizio, a quota 4,1 miliardi di euro.

L‘indebitamento finanziario netto della società è sceso a 9 miliardi di euro (-1,91 miliardi rispetto fine dicembre 2017), in calo di circa 900 milioni dal 30 giugno 2018.
In crescita dell’1,2 per cento, a 1,8 milioni di barili, la produzione di idrocarburi nel terzo trimestre.

Con riguardo alle singole divisioni, l’utile operativo adjusted del comparto “Exploration & Production” è salito a 3,1 miliardi mentre il settore “Gas & Power” ha registrato un utile operativo adjusted di 71 milioni di euro, a fronte di un rosso di 193 milioni dell’analogo periodo del 2017.

L’amministratore delegato del gruppo, Claudio Descalzi, ha commentato positivamente i dati trimestrali, sottolineando il raggiungimento di una eccellente generazione di cassa.

Dopo la pubblicazione dei risultati del terzo trimestre del 2018, a Piazza Affari questa mattina il titolo Eni ha aperto in rialzo dell’1,71 per cento a quota 14,97 euro.