Cambio EUR / GBP invariato, attesa per il discorso di Draghi

Il tasso di cambio EUR /GBP è attualmente scambiato a € 1,14, praticamente invariato rispetto ai livelli di apertura odierni e ancora in attesa di chiudere il tasso di partenza della settimana. La sterlina sembra stazionare contro l’euro stamattina mentre la moneta unica rimane sostenuta dal discorso di Mario Draghi su una “vigorosa ripresa dell’inflazione di fondo” nell’Eurozona.

Parlando agli affari economici e monetari dell’udienza del Parlamento europeo a Bruxelles ieri pomeriggio, anche il presidente della Banca Centrale Europea (BCE) è sembrato fiducioso che la crescita dei salari inizierà a salire nel prossimo futuro. Draghi ha detto ieri: “L’inflazione sottostante dovrebbe aumentare ulteriormente nei prossimi mesi mentre il mercato del lavoro sta aumentando stamattina è una speculazione sul fatto che i commenti insolitamente aggressivi di Draghi potrebbero indicare che la BCE potrebbe aumentare i tassi d’interesse già a settembre del prossimo anno, piuttosto che eventualmente nel dicembre 2019 come inizialmente previsto”.

In una nota ai clienti, gli analisti della Danske Bank hanno scritto: “Draghi ha detto che la BCE vede una ripresa relativamente vigorosa dell’inflazione sottostante “, che è davvero da falco di Draghi, dal momento che non sceglie mai le parole per caso.” Allo stesso tempo , il rally di ieri nella sterlina sembra essersi esaurito stamattina. La sterlina è tendenzialmente ristretta rispetto a tutti i suoi coetanei principali mentre i commercianti restano cauti alla luce della recente turbolenza della Brexit.


Hai mai provato ad investire con il trading binario ? E' una modalità di investimento che molte persone stanno utilizzando per ottenere profitti ulteriori. Affidati ad un broker regolamentato come IQ Opption. Se cerchi un sito sicuro con cui iniziare a guadagnare è il broker che fa per te. Provalo subito qui


Guardando avanti, salvo eventuali importanti sviluppi politici, il movimento nel il tasso di cambio dell’euro sterlina di mercoledì sarà probabilmente trainato dall’indice di distribuzione della Confederazione dell’industria britannica (CBI). Gli economisti prevedono che il sondaggio indicherà che l’attività di vendita al dettaglio nel Regno Unito ha rallentato questo mese, con uno slide da 29 a 16. È probabile che gli investitori guardino a giovedì e alla pubblicazione delle ultime cifre sulla fiducia delle imprese della zona euro.

EUR / GBP: per Goldman Sachs se si raggiunge accordo su Brexit, sterlina più forte del 5% rispetto a euro e dollaro

La Sterlina è più salda questa settimana perché i mercati sembrano voler mettere il pavimento sotto il forte calo subito venerdì 21 settembre per le rinnovate preoccupazioni di E.U. e il Regno Unito si stanno dirigendo verso una Brexit “senza accordo”. Dubitiamo che la Sterlina sia pronta a recuperare tutte le sue perdite e raggiungere livelli vicini a 1,13 di nuovo e sostengono che porterà segnali concreti sui progressi dei negoziati Brexit per innescare qualsiasi manifestazione significativa nella Sterlina.

I trader sono rimasti spiazzati dall’avvertimento del Primo Ministro del Regno Unito Theresa May che senza un impegno concertato delle controparti dell’Unione europea i negoziati sulla Brexit rischiano di fallire; I commenti di maggio giunsero in un momento in cui i mercati crescevano con la certezza che un accordo era a portata di mano in seguito a una serie di sviluppi positivi nel corso di settembre. L’intervento straordinario di maggio nel dibattito seguì un incontro di E.U. leader a Salisburgo, dove leader dopo leader si schierarono per annullare le speranze di ottenere un accordo nel quadro attuale.

“Dopo alcune settimane di sollievo, la sterlina inglese è calata bruscamente dopo il vertice UE a Salisburgo e i commenti del PM May che hanno scavato nella posizione negoziale del Regno Unito. Il vertice non ha offerto alcun progresso sul confine irlandese, né sui termini dello stato finale e nonostante le aspettative perché ogni azione decisiva era bassa, l’atmosfera tesa ha scosso il sentimento di miglioramento della sterlina, “dice una nota del desk di strategia di cambio di Goldman Sach.

Nel breve periodo, ci aspettiamo che la sterlina continui a riflettere le oscillazioni nel sentimento della Brexit con i guadagni visti sulle crescenti aspettative per un accordo, e le perdite per riflettere il sentimento di deterioramento per un tale risultato. Tuttavia, le aspettative a lungo termine per una ripresa del valore di Sterling rimangono intatte come la probabilità che un accordo sia garantito dall’UE e U.K. sono alti.

“Il nostro caso base rimane che otteniamo un accordo con probabilità intorno al 70%”, afferma Goldman Sachs. “Il teatro politico attorno alla proposta di Checkers sta dominando i titoli ma alla fine crediamo che il percorso verso un accordo sia probabilmente attraverso il vago dettaglio dello stato finale”. I notiziari di lunedì suggeriscono che il governo britannico si sta muovendo verso la creazione di un accordo posizionale intorno a un accordo di libero scambio più tradizionale in stile Canada.

Questa mossa probabilmente garantirà il sostegno dei colleghi del Brexiteer di Theresa May in parlamento che hanno sostenuto tale risultato e hanno chiesto a May di abbandonare la proposta di Checkers. E anche i parlamentari ‘remainer’ del suo partito sono propensi a sostenere un accordo in quanto evita lo scenario peggiore rappresentato da una Brexit “senza accordo”.

Naturalmente, il principale ostacolo rimane il confine irlandese, ma l’UE hanno accennato alle concessioni sull’argomento in vari punti di settembre; e come tale c’è una buona ragione per credere che l’ostacolo possa essere navigato e un accordo alla fine raggiunto. Nel caso di un accordo, Goldman Sachs afferma che “dovremmo vedere GBP circa il 5% più forte rispetto a EUR e USD”.

EUR / GBP, se colloqui Brexit falliscono sterlina perde 10% rispetto a EUR e USD

Mentre un approccio attendista ai negoziati sulla Brexit è forse l’approccio più ragionevole nei confronti della sterlina nelle prossime settimane, i partecipanti e le imprese dei cambi continueranno ad acquistare una protezione al ribasso da un grave declino nel caso in cui i colloqui falliscano.

Sterling rimane sostanziale nel caso di un “niente”. “L’ambiente politico di Westminster è teso e non si può escludere una rottura dei negoziati”, dice Adrian Paul, uno stratega del cambio con Goldman Sachs a Londra “Se fosse, i nostri strateghi del Forex sostengono che una combinazione di maggiore incertezza e aggiustamento delle prospettive potrebbe far precipitare un deprezzamento nominale del 10% nei primi sei mesi “, aggiunge Paul.

Secondo Goldman Sachs, se il Regno Unito dovesse lasciare l’UE con un “no accordo “, due fattori potrebbero far precipitare un forte deprezzamento del tasso di cambio della sterlina: in primo luogo, maggiore incertezza aumenterebbe il premio di rischio incorporato nelle attività in sterline. Secondo, il Regno Unito inizierebbe a commerciare con l’UE sulla base delle regole tariffarie dell’OMC.

NESSUN COMMENTO

Rispondi