Risparmio gestito, frena la raccolta

L’industria del risparmio gestito rallenta in aprile. Davanti a tutti si posiziona Eurizon del gruppo Intesa Sanpaolo, con una raccolta netta di 1,442 miliardi di euro. Nel primo trimestre dell’anno il comparto registra una raccolta complessiva di 13,9 miliardi di euro. È quanto diffuso da Assogestioni.

Industria risparmio gestito aprile 2018

La raccolta netta nel mese di aprile per l’industria del risparmio gestito è stata positiva per 2,9 miliardi di euro, un dato in frenata rispetto ai +3,4 miliardi di marzo 2018.

Il patrimonio è salito a quota 2.090,6 miliardi di euro dai precedenti 2.082 miliardi. Di questi, 1.068 miliardi risultano derivanti dalle gestioni collettive e 1.023 miliardi dalle gestioni di portafoglio.

Nel dettaglio del mese, molto bene le sottoscrizioni dei fondi aperti (+2,7 miliardi) che proseguono il buon trend registrato a marzo (+3 miliardi di euro). Risultati positivi anche per le gestioni di portafoglio che archiviano aprile a +249 milioni di euro, dopo i +165 milioni del mese precedente. In rosso invece le gestioni retail a -199 milioni di euro, invertendo così la tendenza positiva di marzo (+277 milioni).

Da segnalare i buoni dati provenienti dalle gestioni istituzionali che si collocano a +448 milioni di euro dopo il rosso del periodo precedente (-112 milioni). Con riguardo ai fondi aperti, in aprile in evidenza i flessibili a quota +1,6 miliardi, anche se occorre sottolineare la forte flessione rispetto a marzo (+3,4 miliardi).

Dati positivi anche per i bilanciati a +1,3 miliardi, sulla scia dei dati del mese precedente (+1,6 miliardi). Buon recupero per i fondi azionari (+693 milioni) rispetto ai precedenti 30 giorni (+397 milioni).

Male invece gli obbligazionari a -862 milioni, una “fuga” dal comparto già lampante a marzo (-1,1 miliardi).

Gestori: Eurizon vola

I risultati dei maggiori gestori nel mese di aprile evidenziano gli ottimi risultati centrati da Intesa Sanpaolo, con una raccolta pari a 1,22 miliardi di euro, grazie al contributo fornito da Eurizon (+1,442 miliardi). Il gruppo Generali chiude aprile a quota 978,6 milioni di euro. Bene anche Amundi che registra una raccolta netta a +868 milioni. Positiva Ubi Banca (+253 milioni).

Tra i segni “meno” da segnalare il rosso per Fideuram (-217 milioni) ed il gruppo Poste (-103 milioni).

L’industria del risparmio gestito ricordiamo che aveva archiviato il primo trimestre dell’anno con una raccolta netta di 13,9 miliardi di euro e un patrimonio gestito di 2.082 miliardi.

NESSUN COMMENTO