Banca d’Italia: utili record nel 2017

Il miglior risultato mai raggiunto dalla Banca d’Italia. Nel 2017 l’istituto centrale ha registrato utili a quota 3,9 miliardi di euro. È quanto dichiarato dal governatore, Ignazio Visco. L’ammontare da destinare allo Stato è superiore di 1,5 miliardi di euro la quota del precedente anno. Il monte dividendi è di 340 milioni di euro.

Banca d’Italia: bilancio risultati 2017

La Banca d’Italia ha chiuso il 2017 con un utile netto record di 3,9 miliardi di euro, il più alto mai raggiunto dall’Istituto, come commentato dallo stesso governatore, Ignazio Visco.

Un risultato superiore di 1,2 miliardi di euro rispetto al dato registrato nel precedente esercizio.


Hai mai provato ad investire con il trading binario ? E' una modalità di investimento che molte persone stanno utilizzando per ottenere profitti ulteriori. Affidati ad un broker regolamentato come IQ Opption. Se cerchi un sito sicuro con cui iniziare a guadagnare è il broker che fa per te. Provalo subito qui


Secondo quanto evidenziato dallo stesso numero uno di Bankitalia, il miglioramento è principalmente dovuto alla crescita del portafoglio titoli grazie alla recente politica monetaria espansiva introdotta dalla Bce.

Nel dettaglio, l’attivo di bilancio dell’istituto di Via Nazionale è aumentato del 20 per cento a quota 931 miliardi di euro, un incremento di 157 miliardi rispetto all’anno precedente.

I titoli detenuti dalla banca centrale italiana sono saliti del 45 per cento, toccando i 358 miliardi di euro. Di questi, circa 289 miliardi sono rappresentati da titoli di Stato.

Bankitalia dividendi

Complessivamente saranno distribuiti dividendi per 340 milioni di euro, un dato pressoché in linea con quanto erogato negli ultimi esercizi, pari al 4,5 per cento del capitale.

Occorre comunque sottolineare che in base a quanto contenuto nello statuto della stessa banca, alle quote di partecipazione eccedenti il 3 per cento del capitale non saranno assegnati dividendi, corrispondenti a circa 122 milioni di euro che verranno destinati in riserva ordinaria. La cedola effettivamente assegnata ammonta pertanto a circa 218 milioni di euro. Attualmente la partecipazione al capitale dell’istituto conta un totale di 124 soggetti, fra cui spiccano le società di assicurazione, alcuni enti previdenziali e naturalmente diverse banche.

Bankitalia mette in evidenza che a seguito della distribuzione dei dividendi, l’utile netto residuo di competenza dello Stato è di 3,365 miliardi di euro, a cui vanno aggiunte imposte per circa 1,563 miliardi. Complessivamente gli introiti raggiungono i 4,9 miliardi.

Scendono inoltre nell’esercizio i costi operativi del 3,4 per cento rispetto al 2016. Infine uno sguardo ai numeri sul personale alle dipendenze dell’istituto: il 31 dicembre 2017 registrava 6.799 unità, in flessione dal 2008 di circa 1000 dipendenti. Più che dimezzate le filiali rispetto a 10 anni fa, scese da 97 alle attuali 39.

NESSUN COMMENTO

Rispondi