Ripple (XRP)
Ripple è un sistema di trasferimento di fondi in tempo reale (RTGS), uno scambio valute e di spedizioni di denaro fornito dall'omonima società Ripple. Ripple viene anche chiamato per esteso: Ripple Transaction Protocol, in sigla: RTXP (traducibile in italiano come: Protocollo di transizione Ripple ) o semplicemente Protocollo Ripple. È stato messo in piedi come un protocollo internet open source distribuito, su di un libro mastro guidato dal consenso e su una valuta digitale chiamata Ripple col simbolo XRP. Quotazione Ripple XRP in tempo reale

Il Bitcoin nel corso delle ultime sedute sui mercati ha evidenziato una struttura tecnica ancora piuttosto debole. Pur mostrando nella giornata odierna prezzi in lieve ripresa, gli analisti prevedono un consolidamento nel breve della pressione ribassista. Nel frattempo sempre più gli esperti ritenere che a conquistare in futuro la scena sarà il Ripple, al momento la seconda crypto per Market Cap.

Bitcoin, quotazioni e stime al ribasso

Una debolezza diffusa nel corso delle ultime sedute aleggia intorno alla struttura tecnica del Bitcoin.

I prezzi sono oggetto di una intensa pressione ribassista malgrado oggi stiano provando a rimbalzare. Secondo una parte degli analisti, una discesa al di sotto della quota di 3.500 dollari potrà dare il via ad un’ulteriore flessione verso il range 3.200-3.100 dollari.

Viceversa il rialzo al di sopra della soglia di 4.100 dollari potrebbe invece spingere la crypto verso l’importante resistenza di 4.400 dollari, ponendo le premesse per la tanto attesa inversione di tendenza e aprendo così verso nuovi scenari di crescita.

Nel frattempo sono però sempre più gli osservatori convinti che la seconda valuta digitale per capitalizzazione, il Ripple, diverrà sempre più protagonista sui mercati e scalzerà dal primo posto il Bitcoin. È soltanto questione di tempo.

Ripple meglio del Bitcoin: previsioni

Il Ripple conquisterà sempre più spazio e supererà il Bitcoin nel corso dei prossimi anni. È questa l’opinione che va diffondendosi sempre più tra gli analisti.

Esaminando la classifica delle valute digitali a maggiore capitalizzazione, si scopre infatti che il Ripple (XRP) è dietro soltanto al Bitcoin (BTC), con un valore destinato a crescere ancora.

Tra i motivi di tali previsioni rialziste, la facilità della crypto di stipulare accordi con diverse banche ed istituti finanziari. Ad oggi sono stati siglati oltre 160 contratti di partnership ed il loro numero è in costante crescita.

I sistemi di pagamento basati sul Ripple sono in forte aumento e per tale ragione in futuro diverrà la valuta capostipite di tutti i radicali cambiamenti peraltro già in atto.

Al momento sui mercati delle crypto il Bitcoin è in rialzo del 2,89 per cento a quota 3679,32 dollari. Il Ripple è in progresso del 2,44 per cento a 0,33 dollari. Da segnalare la buona performance per l’Ethereum, la terza valuta per Market Cap, in crescita del 9,23 per cento a 128,77 dollari.

Fare trading Contract For Difference o CFD con Piattaforma di Trading online comporta da parte di ogni trader ed investitore la necessità di valutare la selezione oculata dei Broker più sicuri, affidabili e regolamentato.

Tra i migliori Broker recensiti, Plus500 offre la possibilità ai vari trader ed investitori di poter fare trading sui CFD ovvero strumenti finanziari derivati con sottostante asset come azioni, obbligazioni, indici, materie prime, criptovalute, etc.

Plus 500 è una delle piattaforme più popolari che riscuote da sempre di grandissimo successo perché ha gli spread in assoluto più convenienti del mercato e i costi ed oneri applicati sono talmente vantaggiosi rispetto alla concorrenza che rendono tale Broker uno dei più appetibili sul mercato.

Questa guida si propone di mettere in evidenza le caratteristiche e le funzionalità della Piattaforma Plus500; in particolare l’attenzione deve essere focalizzate sulle modalità di fare trading con CFD di criptovalute con il Broker Plus 500.

Plus500: il Broker più affidabile Trading CFD criptovalute

Plus500 è uno dei broker Forex più affermati al mondo grazie alle possibilità di fare Trading di CFD con asset criptovalute a costi davvero competitivi rispetto alla concorrenza.

Come fare trading CFD di criptovalute sulla Piattaforma Plus500? Tale Broker dà la possibilità di sfruttare a proprio vantaggio una leva finanziaria sul trading di monete e valute digitali del calibro di Bitcoin (la crypto numero 1 al mondo), Ethereum, Litecoin, Dash, Monero e tante altre.

Plus500 dà la possibilità a tutti i trader di limitare le perdite dei propri capitali finanziari in modo tale da proteggerli dalla fluttuazione repentina delle criptovalute.

Tuttavia, occorre ricordare che l’attività di compravendita di asset comporta sempre un rischio a cui l’investitore deve esporre il proprio capitale finanziario.

Per questo Plus500 avvisa la clientela che “i CFD sono un prodotto soggetto ad effetto leva e che quindi possono comportare la perdita di tutto il capitale. Il trading di CFD potrebbe non essere indicato per te, quindi accertati di aver compreso pienamente i rischi connessi. Consulta la nostra Attestazione di Rischio e il nostro Accordo dell’Utente prima di usare i nostri servizi”.

Fare trading di CFD con asset sottostante criptovaluta mediante la Piattaforma Plus 500 è assolutamente sicuro ed affidabile dato che lo stesso marchio Plus500 è registrato dalla società Plus500 Ltd autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (licenza n. 250/14).

Plus500 UK Ltd è autorizzata dalla Financial Conduct Authority (FCA) con licenza FRN 509909. Plus500 CY LTD è autorizzata and regolata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (Cysec) con Licenza No. 250/14.

In fondo alla homepage è riportata in calce l’informativa sui rischi da leggere attentamente prima di iniziare a fare trading online.

Trading online con CFD Crypto su Plus 500: come fare?

Fatta la dovuta precisazione sui possibili rischi derivanti dall’attività di negoziazione, occorre capire che cosa significa fare trading con CFD Plus500.

Il “Contract for Difference”, tradotto letteralmente come “Contratto per Differenza” è un contratto diviso in due parti: un acquirente ed un soggetto venditore.

Un CFD Plus500 è un contratto finanziario derivato attraverso cui il soggetto acquirente matura o meno un capital gain sull’attività finanziaria sottostante (crittovaluta) e, simultaneamente il venditore del CFD, paga il rendimento (eventuale) maturato sull’asset contrattato.

In altre parole, il CFD Plus500 è un contratto che si basa totalmente sulla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, moltiplicata per il numero di CFD che sono stati contrattati.

Inoltre, occorre osservare che con un CFD, non si acquisisce la proprietà dell’asset moneta digitale, ma si tratta di una posizione che consente di replicare l’andamento e la performance del sottostante sul mercato, guadagnando sia che l’andamento sia “rialzista” che “ribassista”. Questo permette di velocizzare il processo di acquisto/vendita di CFD Plus 500.

Tra le varie Recensioni sull’utilizzo della Piattaforma Plus500 per fare trading di CFD, la maggior parte degli investitori reputa di grande valore aggiunto il tool di Traders’ Sentiment che mostra quale percentuale si sta acquistando o vendendo, in modo tale da poter fare previsioni sui trend prima di concludere l’ordine.

CFD Plus 500: step per fare trading

Innanzitutto per investire con i CFD Plus 500 con sottostante criptovaluta, è necessario iscriversi e registrarsi online alla piattaforma di trading ovvero al software che consente di impostare ordini.

Nel fare trading on line sui CFD Plus 500 si deve essere sempre in grado di effettuare un’operazione al momento giusto, ecco perché è importante tenersi aggiornati con le informazioni finanziarie reperibili online.

Plus500 consente di aggiornarsi e di utilizzare una piattaforma user-friendly, essenziale per fare trading in tutta semplicità e sicurezza.

Il trader di CFD Plus 500 con asset sottostante criptovalute può scegliere tra diverse versioni:

  • Plus500 Desktop
  • Plus500 Webtrader
  • Plus500 iPhone, iPad e Apple Watch
  • Plus500 Android
  • Plus500 Windows Phone e PC

Tante le opzioni che si possono fruire per iniziare a negoziare e speculare con CFD Plus500: Direzione della posizione (acquisto o vendita), Stop Limit, Stop Loss, Stop Operativo etc. etc.

Inizia subito fare trading CFD di criptovalute con il Broker Plus500.

CFDs sono strumenti finanziari complessi. L’80.6% dei trader retail perde denaro. Informati sui rischi prima di fare trading.

Il rally impressionante che sta continuando ad interessare la criptovaluta Ripple continuerà per tutto il 2018? Cosa c’è da attendersi? Il recente rialzo che ha raggiunto il massimo record di $2,44 deve portare a prevedere correzioni al ribasso oppure si assisterà ad un ulteriore rialzo?

Per rispondere a questi quesiti predittivi sul futuro andamento di Ripple per il 2018, occorre considerare le caratteristiche peculiari che contraddistinguono questa criptovaluta rispetto alle altre concorrenti.

Infatti, Ripple si distingue dalle altre valute digitali per il fatto di essere prediletta dal canale bancario e per non poter essere minata.

Queste caratteristiche che la rendono unica e “diversa” rispetto al Biticoin avrà un impatto positivo sulle sue previsioni per il 2018? Vediamo di capire meglio in questa guida tenendo in considerazione l’andamento del BTC e di ETH.

Ripple: analisi predittiva per l’anno 2018

Domanda interessante: “Conviene investire su Ripple o sul Bitcoin?” Dopo il crollo del Bitcoin arrivato in data odierna 11 gennaio 2018 a 12937.61 euro, anche Ripple (XRP) ha registrato negli ultimi giorni un andamento “ribassista” a 1,4 euro.

Forti ribassi che occorre valutare ad hoc per chi ogni giorno fa trading di criptomonete: quello che tutti gli investitori si stanno chiedendo nelle ultime ore è capire se conviene o meno investire in Ripple per il corrente anno 2018.

La buona finanza ci insegna che laddove si verificano forti ribassi, la strategia da implementare è quella di comprare ad un prezzo conveniente per sperare in un eventuale “rimbalzo”. In questo caso dopo 11 giorni dall’inizio dell’anno 2018, dobbiamo necessariamente quali saranno le previsioni che interesseranno le quotazioni di Ripple e, soprattutto, se tornerà a salire.

Per prima cosa occorre sottolineare subito il fatto che Ripple (XRP) ha una disponibilità di 99 miliardi di monete, mentre il Bitcoin ha un valore complessivo di 21 milioni di monete.

La differenza porta già a capire che Ripple non potrà mai eguagliare la criptomoneta numero 1, ma questo non significa che si debba “scartare” dalle proprie scelte di investimento.

Anzi, nel portafoglio di crypto che vogliamo costruire è ben tenere in considerazione come asset digitale su cui investire anche l’XRP. Perché? Se si esaminano anche le notizie aggiornate degli analisti finanziari è facile comprendere che possedere Ripple potrebbe essere una soluzione interessante per diversificare il proprio portfolio di investimento.

Vediamo cosa è successo nelle ultime settimane: il “crollo” della quotazione XRP è stato cagionato dal forte rally che la valuta prediletta dalle banche aveva registrato dopo Natale.

XRP era diventata la seconda moneta digitale per capitalizzazione, tanto da ipotizzare che avrebbe surrogato il BTC e, molti investitori infatti avevano puntato su XRP.

Tuttavia, il crollo verificatosi in data 8 gennaio 2018 ha deluso i trader che per un attimo avevano confidato su un possibile sorpasso di Ripple sui Bitcoin.

La quotazione di Ripple è “crollata” del 40% rispetto al record di 3,84 dollari raggiunto poco prima della Befana. Quali fattori hanno causato il “crollo” della criptovaluta californiana?

In primis, il crollo di Ripple è stato cagionato dalla smentita della notizia giunta da Coinbase, celebre e popolare società che gestisce il principale Exchange, in merito al progetto di inserimento di Ripple tra le valute digitali scambiabili sulla sua piattaforma.

Il fatto che la valuta californiana non sia scambiata sull’Exchange Coinbase pone seri dubbi sul fatto di entrare a fare parte del “salotto delle monete virtuali”.

Quotazione attuale Ripple

I vantaggi di Ripple nonostante il “crollo”

Nonostante il “crollo” che sta interessando le criptovalute e il forte “ribasso” di Ripple è importante considerare che per il 2018 la criptovaluta possa tornare a crescere: le sue caratteristiche peculiari sono molto apprezzate dagli investitori.

Ripple (a differenza di Bitcoin o Ethereum) non è un sistema nato con l’obiettivo di “rimpiazzare” banche e istituti finanziari, ma di collaborare con loro: la blockchain di Ripple non è “aperta” e decentralizzata, ma chiusa e rigidamente controllata, gli XRP non possono essere minati, come avviene per i Bitcoin o per gli Ether.

Per il futuro, fatte queste considerazioni sulla californiana, si prevede che il suo successo possa essere legato all’adozione della criptovaluta da parte degli istituti bancari e finanziari: se ciò potesse verificarsi realmente, la quotazione di Ripple potrebbe riprendere a salire rapidamente.

Inoltre, un’altra caratteristica molto interessante e vantaggiosa che impatterà sul suo “rialzo” deriva dalla sua velocità di trasferire somme di denaro da un continente all’altro in modo quasi immediato.

Tuttavia, ad oggi la speranza che Ripple possa essere la nuova sostituta del Bitcoin tende ad essere sempre più irreale; la discesa della californiana ha “effetti positivi” per l’Ethereum, la cui quotazione rimane positiva.

Tutto ciò che possiamo suggerire per il 2018 è di adottare una strategia di diversificazione del portfolio criptovalute in modo tale da massimizzare il rapporto rendimento/rischiosità.