Recensione Poloniex: quanto è sicuro per il trading di criptovalute? Tutorial e guida

Quanto è sicuro il sito di Exchange di criptovalute Poloniex? Grazie a questa Recensione su Poloniex si può avere un quadro chiaro e preciso sull’evoluzione che ha assunto nel tempo questo Exchange. Se fino a qualche tempo fa Poloniex era quasi sconosciuto e con un ruolo “marginale”, con il passare del tempo e con l’acquisizione della popolarità, l’Exchange ha conquistato la fiducia degli utenti, si è arricchito di funzionalità innovative e ha “eroso” una rilevante quota di mercato dei concorrenti. Poloniex, dopo la negativa esperienza relativa all’attacco da parte degli hacker, ha riprogettato la propria infrastruttura tecnologica con grande successo, venendo ad assumere un ruolo sempre più importante e popolare nella Community.

Poloniex: chi è?

Poloniex è un sito di Exchange popolare che consente lo scambio di criptovalute: è registrato presso la Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) come società di servizi monetari dal 29 agosto 2016, nonostante sia operativo dal mese di gennaio 2014.

Poche sono le informazioni disponibili online, anche sul sito Web della società, sulla proprietà ed assetto societario di Poloniex. Su LinkedIn Tristan D’Agosta è il fondatore e CEO di Poloniex: secondo quanto si può apprendere, D’Agosta è un compositore di musica e un ex scrittore freelance con una Laurea in arti musicali presso la Rutgers University.

Poloniex: il posizionamento sul mercato

La mancanza di informazioni sull’assetto societario, sul team che sta dietro l’Exchange, sull’assenza di una sede fisica hanno sollevato dubbi sulla solidità patrimoniale e sulla reputazione e affidabilità di Poloniex.

La sicurezza dei fondi dei detentori di valute acquistate direttamente sull’Exchange è stata oggetto di discussioni su forum online del calibro di Bitcointalk e di Reddit.

Il fatto che i fondatori ed il team manageriale di Coinbase, Kraken e Bitstamp sia conosciuto e popolare ha conferito maggiore credibilità a questi Exchange.

Nonostante ciò, Poloniex ha continuato a crescere in termini di base di utenti, volumi di transazioni e il numero di criptovalute che si possono acquistare direttamente sull’Exchange.

Poloniex vanta cifre da capogiro: riceve oltre 50 milioni di visite al mese seguito dal competitor Coinbase con circa 45 milioni di visite mensili.

I maggiori mercati di riferimento e di “sbocco” per il sito Poloniex sono gli Stati Uniti (24,84%) e la Russia (6,06%), oltre al Regno Unito (4,65%), Brasile (3,14%) e Vietnam (3,67%).

Un’altra caratteristica che differenzia Poloniex dagli altri Exchange è la mancanza di supporto per la valuta fiat; nonostante questo, Poloniex supporta comunque un gran numero di criptovalute (oltre 70).

Dopo la chiusura nel 2016 della più grande rivale di Poloniex, Cryptsy, la sua quota di mercato e la sua base di utenti è stata ereditata proprio dall’Exchange.

Poloniex non offre applicazioni mobili, ma la versione mobile del sito web funziona in modo semplice, veloce e sicuro con la versione desktop. L’Exchange ha anche reso disponibile un’API ovvero un’interfaccia di programmazione di un’app, attraverso la quale gli sviluppatori possono creare strumenti per l’analisi dei dati e la gestione degli account.

Poloniex è molto popolare tra gli utenti scambiano ed acquistano da una criptovaluta a un’altra, oltre alla possibilità di fare trading; i suoi servizi sono accessibili da qualsiasi parte del mondo e rispetto ai rivali Coinbase, Bitstamp e Kraken richiede il possesso di pochi requisiti.

Quanto è sicuro Poloniex?

Per garantire una sicurezza dell’account, Poloniex consente la possibilità di attivare l’autenticazione a due fattori.

Occorre installare Google Authenticator:

App Store —> Link:

Google Play Store —> Link

Dopo aver installato Google Authenticator, basta aprire l’applicazione a cliccare sul pulsante in basso a destra “+” e cliccare all’interno del backoffice Poloniex in alto sul simbolo della chiave inglese e poi sull’Autenticazione a due fattori:

Inquadrare il QR code per aggiungere Poloniex alla lista delle applicazioni all’interno dell’app Google Authenticator.

Nel 2014 l’Exchange ha subito una violazione della Security: circa 12% di tutti i depositi di Bitcoin dei clienti sono stati oggetti di furto. Nonostante ciò Poloniex si è subito attivata per assicurare agli utenti il risarcimento di tutti i fondi, mantenendo la promessa fatta ai suoi utenti diversi mesi dopo.

Nonostante la serietà di Poloniex, si consiglia per precauzione di utilizzare l’Exchange per comprare criptovalute digitali, ma non tenere i fondi acquistati sulla stessa.

Meglio depositare le valute digitali acquistate su un E-Wallet o Portamonete digitale in modo tale da evitare pericoli che si possono nascondere insidiosamente dietro l’angolo.

Esperienza utente su Poloniex

Secondo le Recensioni dei vari user la Piattaforma Poloniex funziona bene, tranne durante le fasce orarie “di picco” di trading. Nel 2015 l’intera interfaccia è stata ridisegnata con successo: oggi le recensioni sono ancora più positive e tutte apprezzano la presentazione e la semplicità nell’interazione dell’Exchange che risulta essere user-friendly.

L’esperienza del bacino d’utenza è assimilabile a quella di Bittrex o Kraken. Oltre alle Recensioni positive, si deve tenere conto del fatto che la maggior parte degli user si lamenta del tempo necessario prima che i depositi vengano accreditati sull’account utente.

Alcuni utenti segnalano di aver concluso l’acquisto ma di non aver ricevuto mai l’accredito delle criptovalute sull’account creato. Altro punto negativo di Poloniex riguarda il Servizio di Assistenza alla Clientela che risulta essere troppo lento nel rispondere alle richieste degli user.

NESSUN COMMENTO