Litecoin (LTC)
Litecoin (LTC) è una criptovaluta peer-to-peer ed un progetto di software open source rilasciato con licenza MIT/X11. Dal punto di vista tecnico ha preso ispirazione e risulta molto simile a Bitcoin (BTC): la coniazione e la transazione di Litecoin avviene grazie ad un protocollo open source e non è controllata da alcuna autorità centrale. L'intenzione degli sviluppatori di Litecoin era di migliorare Bitcoin attraverso alcuni cambiamenti.

Quotazione Litecoin LTC in tempo reale

Fare trading Contract For Difference o CFD con Piattaforma di Trading online comporta da parte di ogni trader ed investitore la necessità di valutare la selezione oculata dei Broker più sicuri, affidabili e regolamentato.

Tra i migliori Broker recensiti, Plus500 offre la possibilità ai vari trader ed investitori di poter fare trading sui CFD ovvero strumenti finanziari derivati con sottostante asset come azioni, obbligazioni, indici, materie prime, criptovalute, etc.

Plus 500 è una delle piattaforme più popolari che riscuote da sempre di grandissimo successo perché ha gli spread in assoluto più convenienti del mercato e i costi ed oneri applicati sono talmente vantaggiosi rispetto alla concorrenza che rendono tale Broker uno dei più appetibili sul mercato.

Questa guida si propone di mettere in evidenza le caratteristiche e le funzionalità della Piattaforma Plus500; in particolare l’attenzione deve essere focalizzate sulle modalità di fare trading con CFD di criptovalute con il Broker Plus 500.

Plus500: il Broker più affidabile Trading CFD criptovalute

Plus500 è uno dei broker Forex più affermati al mondo grazie alle possibilità di fare Trading di CFD con asset criptovalute a costi davvero competitivi rispetto alla concorrenza.

Come fare trading CFD di criptovalute sulla Piattaforma Plus500? Tale Broker dà la possibilità di sfruttare a proprio vantaggio una leva finanziaria sul trading di monete e valute digitali del calibro di Bitcoin (la crypto numero 1 al mondo), Ethereum, Litecoin, Dash, Monero e tante altre.

Plus500 dà la possibilità a tutti i trader di limitare le perdite dei propri capitali finanziari in modo tale da proteggerli dalla fluttuazione repentina delle criptovalute.

Tuttavia, occorre ricordare che l’attività di compravendita di asset comporta sempre un rischio a cui l’investitore deve esporre il proprio capitale finanziario.

Per questo Plus500 avvisa la clientela che “i CFD sono un prodotto soggetto ad effetto leva e che quindi possono comportare la perdita di tutto il capitale. Il trading di CFD potrebbe non essere indicato per te, quindi accertati di aver compreso pienamente i rischi connessi. Consulta la nostra Attestazione di Rischio e il nostro Accordo dell’Utente prima di usare i nostri servizi”.

Fare trading di CFD con asset sottostante criptovaluta mediante la Piattaforma Plus 500 è assolutamente sicuro ed affidabile dato che lo stesso marchio Plus500 è registrato dalla società Plus500 Ltd autorizzata e regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (licenza n. 250/14).

Plus500 UK Ltd è autorizzata dalla Financial Conduct Authority (FCA) con licenza FRN 509909. Plus500 CY LTD è autorizzata and regolata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (Cysec) con Licenza No. 250/14.

In fondo alla homepage è riportata in calce l’informativa sui rischi da leggere attentamente prima di iniziare a fare trading online.

Trading online con CFD Crypto su Plus 500: come fare?

Fatta la dovuta precisazione sui possibili rischi derivanti dall’attività di negoziazione, occorre capire che cosa significa fare trading con CFD Plus500.

Il “Contract for Difference”, tradotto letteralmente come “Contratto per Differenza” è un contratto diviso in due parti: un acquirente ed un soggetto venditore.

Un CFD Plus500 è un contratto finanziario derivato attraverso cui il soggetto acquirente matura o meno un capital gain sull’attività finanziaria sottostante (crittovaluta) e, simultaneamente il venditore del CFD, paga il rendimento (eventuale) maturato sull’asset contrattato.

In altre parole, il CFD Plus500 è un contratto che si basa totalmente sulla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, moltiplicata per il numero di CFD che sono stati contrattati.

Inoltre, occorre osservare che con un CFD, non si acquisisce la proprietà dell’asset moneta digitale, ma si tratta di una posizione che consente di replicare l’andamento e la performance del sottostante sul mercato, guadagnando sia che l’andamento sia “rialzista” che “ribassista”. Questo permette di velocizzare il processo di acquisto/vendita di CFD Plus 500.

Tra le varie Recensioni sull’utilizzo della Piattaforma Plus500 per fare trading di CFD, la maggior parte degli investitori reputa di grande valore aggiunto il tool di Traders’ Sentiment che mostra quale percentuale si sta acquistando o vendendo, in modo tale da poter fare previsioni sui trend prima di concludere l’ordine.

CFD Plus 500: step per fare trading

Innanzitutto per investire con i CFD Plus 500 con sottostante criptovaluta, è necessario iscriversi e registrarsi online alla piattaforma di trading ovvero al software che consente di impostare ordini.

Nel fare trading on line sui CFD Plus 500 si deve essere sempre in grado di effettuare un’operazione al momento giusto, ecco perché è importante tenersi aggiornati con le informazioni finanziarie reperibili online.

Plus500 consente di aggiornarsi e di utilizzare una piattaforma user-friendly, essenziale per fare trading in tutta semplicità e sicurezza.

Il trader di CFD Plus 500 con asset sottostante criptovalute può scegliere tra diverse versioni:

  • Plus500 Desktop
  • Plus500 Webtrader
  • Plus500 iPhone, iPad e Apple Watch
  • Plus500 Android
  • Plus500 Windows Phone e PC

Tante le opzioni che si possono fruire per iniziare a negoziare e speculare con CFD Plus500: Direzione della posizione (acquisto o vendita), Stop Limit, Stop Loss, Stop Operativo etc. etc.

Inizia subito fare trading CFD di criptovalute con il Broker Plus500.

CFDs sono strumenti finanziari complessi. L’80.6% dei trader retail perde denaro. Informati sui rischi prima di fare trading.

Litepay è il nuovo sistema di pagamento e portafoglio elettronico collegato alla famosa criptovaluta Litecoin, creata da Charlie Lee. Sicuramente, questo nuovo progetto lanciato sul mercato il 26 febbraio 2018 andrà ad impattare in modo positivo sulla quotazione della criptovaluta e sulla preferenza dei trader di detenere Litecoin nel proprio portafoglio investimenti.

Già lo scorso anno Litecoin è stata una delle indiscusse protagoniste sul mercato delle valute digitali, uno degli asset più ricercati e richiesti con una capitalizzazione di mercato ben superiore rispetto alle altre Altcoin.

Complice di questa brillante performance è il lancio sul mercato di Litepay Litecoin, il nuovo sistema di pagamento e di E-Wallet creato dal fondatore della nota criptovaluta di Charlie Lee.

Infatti, a partire dal 26 febbraio 2018 è partito ufficialmente il lancio di Litepay, il nuovo servizio di pagamento fondato su Litecoin, grazie al quale i venditori hanno modo di accettare i pagamenti in Litecoin subito e provenienti da ogni parte del mondo.

La guida si propone di mettere in evidenza come funziona il nuovo sistema di pagamento Litepay attraverso la criptovaluta LTC.

Che cos’è Litepay?

Grazie al lancio ufficiale del nuovo sistema di pagamento Litepay correlato alla criptovaluta Litecoin, viene messo a disposizione un portafoglio LTC dove gli utenti possono caricare la valuta digitale creata da Charlie Lee su una carta compatibile con circuito Visa, riconosciuta in tutto il mondo.

Lo scopo di questo nuovo servizio di pagamento che si annuncia essere entusiasmante è quello di far aumentare il valore e la quotazione del Litecoin, consentendone una sana crescita man mano che il servizio sarà fruito ed incrementerà la sua popolarità sul mercato.

LitePay si configura come il nuovo strumento di pagamento di Litecoin e gli esercenti commerciali dovranno essere in grado di accettare il pagamento in criptovaluta e mediante carta di debito emessa dalla società Litecoin, da qualsiasi parte del mondo.

LitePay consentirà alle aziende di accettare pagamenti Litecoin elaborando all’istante i pagamenti che sono gestiti e regolarizzati direttamente con le proprie banche.

Litecoin viene depositata su un portafoglio digitale su cui è possibile gestire i pagamenti come l’intera l’attività Litecoin, se non anche caricare la criptovaluta sulla carta Visa LitePay.

La carta LitePay può essere utilizzata in qualsiasi parte del mondo, essere accettata dagli esercenti commerciali che accettano carte Visa e consentire la possibilità di prelevare denaro direttamente dal portafoglio Litecoin.

Come funziona Litepay?

Il servizio (di Litepay) crea valore a due tipologie di clientela fondamentalmente diverse per differenti ragioni”, si può leggere sul sito istituzionale.

In primo luogo, (Litepay) offre ai commercianti un ulteriore incentivo per iniziare ad accettare la criptovaluta Litecoin in quanto il sistema di pagamento si assume il rischio di accettare Litecoin a prescindere dalla volatilità della quotazione. In secondo luogo, conferisce al detentore della Litecoin una maggiore liquidità a breve termine con le proprie carte di debito“.

Il punto di maggiore pregio è che Litecoin avrà tempi di transazione molto più rapidi rispetto a Bitcoin e i costi saranno significativamente più convenienti.

Si pensi che Bitpay, il processore di transazioni di Bitcoin e Bitcoin Cash, addebita al consumatore $5 dollari per transazione per effettuare pagamenti in Bitcoin che richiedono un lasso temporale troppo lungo.

Per superare questa problematica e grave punto di debolezza, è stato approntato un sistema ideale per tutte le imprese e gli esercenti commerciali che potranno accettare la criptovaluta LTC per concludere le transazioni in modo veloce ed abbattendo i costi.

Debutto di Litepay sul mercato

Litepay è stato lanciato sul mercato in data 26 febbraio 2018 e il creatore di Litecoin Charlie Lee ha annunciato su Twitter di essere pienamente soddisfatto.

La nuova modalità di pagamento attraverso il Litecoin è stato inizialmente reso pubblico poco prima di Natale dalla Fondazione Litecoin.

È stato definito come un “game-changer per Litecoin” di Palwasha Saaim, analista di ricerca presso Lombardi Financial, il quale ha commentato “(si tratta di un sistema) che consente alle aziende di accettare Litecoin senza preoccuparsi della volatilità dei prezzi“.

Gli esercenti non devono preoccuparsi della volatilità dei prezzi dato che il pagamento concluso in LTC può essere convertito immediatamente in dollari.

Se gli esercenti e le varie unità di business accettano la criptovaluta ad una data quotazione in un certo momento, vengono remunerati per quel valore di scambio e non devono preoccuparsi di eventuali variazioni di prezzo.

Dove si potrà utilizzare LitePay?

Gli utenti LitePay saranno in grado di convertire i Litecoin in dollari e viceversa attraverso le carte compatibili con circuito Visa, che possono essere utilizzate in tutti i punti cassa o aziende che supportano i pagamenti Visa.

La carta Visa LitePay può essere utilizzata ovunque siano accettate le carte dello stesso circuito e preleva i soldi direttamente dal portafoglio Litecoin.

LitePay addebita una commissione pari all’1% per transazione, rispetto alle commissioni standard per le carte di credito che si aggirano intorno al 3% e la commissione di transazione BitPay di $5 dollari per transazione.

Litepay oltre a funzionare come portafoglio di pagamenti permetterà ai clienti non solo di accettare, ma anche di conservare e spendere Litecoin in modo facile e trasparente.

Unico responsabile è LitePay Inc., società in grado di assicurare che i trader vengano pagati al tasso di cambio corretto.

Il Bitcoin supera nuovamente la soglia degli 11mila dollari. È la prima volta in questo mese di febbraio dopo aver toccato i minimi sotto i 6mila dollari soltanto due settimane fa. In ripresa anche le quotazioni delle altre principali criptovalute. Le preoccupazioni per una regolamentazione più rigorosa di tutto il settore per adesso sembra fare meno paura agli investitori.

Il Bitcoin risale

Il prezzo del bitcoin è salito nuovamente al di sopra della soglia degli 11mila dollari toccando il livello più alto di tutto il mese di febbraio dopo essere sceso al di sotto dei 6mila dollari soltanto poche settimane fa.

Una crisi che era stata generata dai timori crescenti dell’adozione di una normativa più rigida per la regolamentazione del comparto.

L’estrema volatilità insita nella stessa natura delle criptovalute e la manipolazione dei prezzi sul mercato, cui sono state oggetto il “bitcoin e le sue sorelle” nelle ultime settimane, ha provocato la caduta delle quotazioni.

Le previsioni degli analisti sul futuro del bitcoin rimangono però parecchio contrastanti.

Da un lato c’è che ritiene che la criptomoneta potrebbe arrivare a toccare addirittura i 100mila dollari e chi invece considera che non è un ipotesi affatto remota il crollo quasi a zero in qualsiasi momento.

Bitcoin: eventuale crollo non preoccupa S&P

Il bitcoin è guardato a vista anche dagli esperti di Standard & Poor’s che però non lo considerano una minaccia alla stabilità economica globale.

Gli analisti delle banca d’affari americana ritengono infatti che tutti gli asset digitali dovrebbero essere prima sottoposti ad una forma di regolamentazione e soltanto in seguito essere causa di una forte instabilità sui mercati finanziari.

Fino a quanto tutto il settore non sarà regolamentato, l’azzeramento di valore del bitcoin avrebbe soltanto un impasto modesto sul settore finanziario e dunque non preoccupa minimamente gli analisti di S&P Global Ratings Financial.

La volatilità della moneta digitale per eccellenza comunque nel frattempo continua a far discutere. Il bitcoin è passato da meno di 1000 dollari del mese di gennaio 2017 a quasi 20.000 dollari lo scorso dicembre per poi ridiscendere il 6 febbraio al di sotto dei 6mila dollari.

A distanza di due settimane il bitcoin ha però ripreso a correre ed ha nuovamente superato la soglia dei 10.000 dollari.

Al momento sui mercati il bitcoin viene scambiato in rialzo a quota 11.600 dollari, l’Ethereum a 956 dollari ed il Litecoin a 247 dollari.