Bitcoin e criptovalute in ripresa, crisi finita?

Il Bitcoin supera nuovamente la soglia degli 11mila dollari. È la prima volta in questo mese di febbraio dopo aver toccato i minimi sotto i 6mila dollari soltanto due settimane fa. In ripresa anche le quotazioni delle altre principali criptovalute. Le preoccupazioni per una regolamentazione più rigorosa di tutto il settore per adesso sembra fare meno paura agli investitori.

Il Bitcoin risale

Il prezzo del bitcoin è salito nuovamente al di sopra della soglia degli 11mila dollari toccando il livello più alto di tutto il mese di febbraio dopo essere sceso al di sotto dei 6mila dollari soltanto poche settimane fa.

Una crisi che era stata generata dai timori crescenti dell’adozione di una normativa più rigida per la regolamentazione del comparto.


Hai mai provato ad investire con il trading binario ? E' una modalità di investimento che molte persone stanno utilizzando per ottenere profitti ulteriori. Affidati ad un broker regolamentato come IQ Opption. Se cerchi un sito sicuro con cui iniziare a guadagnare è il broker che fa per te. Provalo subito qui


L’estrema volatilità insita nella stessa natura delle criptovalute e la manipolazione dei prezzi sul mercato, cui sono state oggetto il “bitcoin e le sue sorelle” nelle ultime settimane, ha provocato la caduta delle quotazioni.

Le previsioni degli analisti sul futuro del bitcoin rimangono però parecchio contrastanti.

Da un lato c’è che ritiene che la criptomoneta potrebbe arrivare a toccare addirittura i 100mila dollari e chi invece considera che non è un ipotesi affatto remota il crollo quasi a zero in qualsiasi momento.

Bitcoin: eventuale crollo non preoccupa S&P

Il bitcoin è guardato a vista anche dagli esperti di Standard & Poor’s che però non lo considerano una minaccia alla stabilità economica globale.

Gli analisti delle banca d’affari americana ritengono infatti che tutti gli asset digitali dovrebbero essere prima sottoposti ad una forma di regolamentazione e soltanto in seguito essere causa di una forte instabilità sui mercati finanziari.

Fino a quanto tutto il settore non sarà regolamentato, l’azzeramento di valore del bitcoin avrebbe soltanto un impasto modesto sul settore finanziario e dunque non preoccupa minimamente gli analisti di S&P Global Ratings Financial.

La volatilità della moneta digitale per eccellenza comunque nel frattempo continua a far discutere. Il bitcoin è passato da meno di 1000 dollari del mese di gennaio 2017 a quasi 20.000 dollari lo scorso dicembre per poi ridiscendere il 6 febbraio al di sotto dei 6mila dollari.

A distanza di due settimane il bitcoin ha però ripreso a correre ed ha nuovamente superato la soglia dei 10.000 dollari.

Al momento sui mercati il bitcoin viene scambiato in rialzo a quota 11.600 dollari, l’Ethereum a 956 dollari ed il Litecoin a 247 dollari.

NESSUN COMMENTO

Rispondi