Criptovalute

Quotazioni Criptovalute principali

LogoSimboloNomeQuotazioneVar. %Market Cap

Vi siete mai chiesti se è davvero possibile comprare Ethereum in Banca? Se questo è davvero possibile quanto costerebbe? Come fare ad ottenere la massima sicurezza e affidabilità quando si compra Ethereum?

In questa guida cercheremo di approfondire questi argomenti, facendo chiarezza sul metodo di acquisto e di vendita e sulla convenienza o meno di comprare le criptovalute come ETH.

Il primo aspetto importante da prendere in esame, quando si vuole investire o comprare una criptovaluta è quella relativa all’analisi della stessa al fine di valutare la migliore presente sul mercato.

Nello specifico, quando parliamo di Ethereum, dobbiamo valutare attentamente il come e dove comprarla, considerando che si tratta della seconda criptovaluta per importanza e prospettive di crescita.

Ethereum per molti non è definita solo una criptovaluta, ma è uno strumento atto a creare contratti intelligenti che sono un’innovazione molto interessante.

Oggi è possibile comprare ETH con gli Exchange, anche se in questo caso, dovete scegliere sempre i migliori per evitare di incappare in delle truffe. Per altro, anche con i migliori si devono analizzare le commissioni che vi saranno applicate. Questi ad oggi risultano essere i migliori strumenti per comprare cripto valute, in quanto essendo un sistema decentrato, non riconosciuto dalle banche, non è possibile comprare ethereum o altre criptovalute presso le banche. Ragion per cui, anche i broker bancari, come Fineco, Webanca, ecc, non offrono questi asset.

Ci sono però broker seri e regolamentati come 24option ad esempio (trovi il sito ufficiale cliccando qui) che permettono di negoziare su Ethereum e altre criptovalute utilizzando strumenti molto potenti come ad esempio i segnali di trading. Sono gratuiti per tutti gli iscritti e hanno un tasso di successo molto elevato. Per saperne di più sui segnali di trading clicca qui.

Perché comprare Ethereum in Banca?

In molti oggi pensano che le banche siano il luogo più sicuro dove comprare e vendere asset. Lo pensano in quanto le banche sono soggette alla vigilanza e sottoposte al controllo da parte delle autorità. Per molti questo è sinonimo di sicurezza.

Precisiamo però che oggi ci sono moltissimi broker di trading online che vi permettono di comprare ehereum e altre altcoin in modo professionale in quanto regolamentati e anche essi sottoposti alla stretta vigilanza dell’autorità. Quindi potete star tranquilli che il sistema è garantito.

Comprare Ethereum oggi in Banca: come fare?

Purtroppo allo stato attuale, come anche detto pocanzi, non è possibile. Le banche non vedono di buon occhio le criptovalute. Bitcoin ed Ethereum ne sono un classico esempio. Le banche vedono le crypto come delle concorrenti che possono ledere la loro stabilità. Da qui ne deriva che non è possibile acquistare direttamente Ethereum in banca, almeno al momento non è ancora possibile; in futuro non sappiamo.

La criptovaluta che probabilmente potrebbe essere acquistata in banca è solo Ripple per via delle sue caratteristiche, in quanto si pone come obbiettivo quello di supportare le transazioni finanziarie in modo efficiente e a basso costo. Ma per Ethereum non è così. Quindi possiamo escludere a priori la possibilità, almeno per il momento di comprare ETH in banca.

Dove comprare ethereum?

Ovviamente se in banca non si possono comprare, si deve ricercare un altro strumento idoneo. Ad esempio, è possibile comprare Ethereum direttamente da piattaforme autorizzate e regolamentate ovvero da piattaforme che sono sotto controllo e sotto vigilanza da parte delle autorità competenti.

Comprare ethereum con Plus500

Uno dei broker di maggior successo è sicuramente Plus500 (clicca qui per visitare il sito ufficiale), piattaforma di trading online regolamentata ed autorizzata, adatta però ad un pubblico di un certo livello professionale. Esso si presenta ai trader con una piattaforma semplice intuitiva, dall’aspetto accattivante, che offre un conto demo gratuito e illimitato.

A queste prime caratteristiche se ne affiancano altre, come ad esempio il conto reale dal deposito minimo di appena 100 €. Come detto si tratta di una piattaforma non adatta a trader di primo livello in quanto non offre un servizio di formazione base.

Questo non vuol dire che si tratta di un broker difficile da comprendere, in quanto, grazie al suo conto demo gratuito, adatto a mettere in pratica le migliori strategie d’investimento o anche semplicemente a prendere confidenza con la piattaforma, tutti i trader potranno utilizzarlo.

Tra i tanti vantaggi che questo broker offre, possiamo menzionare:

  • commissioni azzerate per tutti i trader che effettuano le principali operazioni di trading;
  • conto demo gratuito e illimitato; conto reale da 100 €;
  • strumenti di gestione utili per limitare il rischio;
  • leva finanziaria;
  • lo stop loss;
  • stop garantito;
  • avvisi di prezzo;
  • stop operativo;
  • spread bassi e competitivi;
  • piattaforma di trading sicura e regolamentata;
  • prelievi veloci e senza commissioni;
  • oltre 1000 asset su cui negoziare;
  • assistenza clienti tramite chat live.

Ricordiamo infine che operare con questo broker, ma anche con gli altri su riportati, non è sinonimo di guadagno, ma si potrebbe perdere tutto il capitale investito per singole operazioni di trading. Clicca qui per visitare il sito ufficiale di Plus500.

Comprare Ethereum con eToro: come fare?

Al pari del precedente, eToro (trovi il sito ufficiale qui)  è uno dei broker preferiti da tutti i trader internazionali, in quanto permette anche esso di comprare e vendere ethereum o altre criptovalute direttamente dalla piattaforma o se lo si vuole, tradarle.

Preme sottolineare anche che eToro è la piattaforma preferita da moltissimi trader italiani sia a livello dilettantistico sia a livello professionale. Molta della sua popolarità la si deve alla possibilità di fare trading e di interagire con gli altri trader per via della piattaforma di social trading grazie alla quale è possibile condividere con gli altri trader le proprie strategie e allo stesso tempo confrontarle, come se si stesse utilizzando un classico strumento social; si potrebbe anche optare per utilizzare il copy trader, ovvero lo strumento di trading che vi permette di copiare le operazioni degli altri trader, all’interno del vostro conto.

Tutto questo è possibile anche per mezzo della piattaforma pratica e semplice da utilizzare, che si presenta con un’interfaccia user friendly adatta non solo ad investire sui mercati principali, ma anche per comprare Ethereum e tantissime altre cripto valute, come:

  • Bitcoin
  • Bitcoin Cash
  • Ethereum
  • Ethereum classic
  • Ripple
  • Litecoin
  • Dash
  • Stellar
  • Cardano
  • NEO

I vantaggi di eToro non si esauriscono solo in questo; esso si presenta come una piattaforma completa, affidabile e a zero commissioni adatte a comprare criptovalute o speculare sul ribasso del prezzo. Ecco anche il motivo per cui eToro sta avendo un grande successo, soprattutto tra i trader non professionali.

Puoi iscriverti gratis su eToro, cliccando qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Questo contenuto è da intendersi per fine educativo e non dovrebbe essere considerato come alcun consiglio di investimento.

Comprare Ethereum con 24option

La terza piattaforma (ma non per importanza) che andremo ad analizzare è 24option (clicca qui per visitare il sito ufficiale) definita come una piattaforma veramente facile da usare.

Si tratta di un broker che ben si adatta a tutti i trader, principianti o esperti che siano, ma che vogliono operare sui mercati finanziari.

Nello specifico parliamo di 24Option come la piattaforma di trading semplice e intuitiva che permette di operare con conto demo o conto reale e dal quale poi è possibile accedere a corsi di formazione gratuiti all’interno del quale vie viene spiegano bene, senza troppe parole tecniche, cosa vuol dire operare e fare trading sulle criptovalute. Anche il servizio di assistenza clienti è molto apprezzato dai trader in quanto questi possono farsi guidare passo dopo passo nell’apertura del conto e nella formazione.

Tutti i trader che scelgono questo broker per le loro operazioni di trading, possono imparare (bene) a investire e lo possono fare con il minimo errore in quanto viene offerto loro la possibilità di scaricare gratuitamente una delle migliori guide agli investimenti finanziari, fatta in modo semplice e orientata alla pratica. Essa vi spiega praticamente come investire su Ethereum e sulle altre criptovalute.

Puoi scaricare gratis la guida gratuitamente cliccando qui.

Tra gli altri vantaggi del broker abbiamo:

  • Conto demo gratuito;
  • Conto reale dal deposito basso;
  • Piattaforma regolamentata ed autorizzata;centro formazione eccellente;
  • Servizio assistenza impiccabile;
  • Segnali di trading gratuiti (per saperne di più vai qui)

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che i segnali di trading offerti da 24Option sono delle notifiche di trading inviate in tempo reale all’interno del proprio smartphone o computer. Non potete però considerali come dei veri e propri consigli d’investimento in questo essi rappresentano solo dei segnali e dei suggerimenti in grado di riuscire a massimizzare il rendimento dei propri investimenti.

Tutti i segnali offerti da 24Option sono forniti in collaborazione con il centro studi Trading Central e rappresentano delle ottime opportunità d’investimento le quali sono calcolate in base alle variazioni di prezzo della quotazione. Su di queste sono state applicate dei modelli matematici che si basano anche su grafici storici.

Secondo le primo opinioni e recensioni, si tratta di un sistema dalle prestazioni uniche, al quale si affianca anche una funzionalità tal da consentire un miglioramento nel rendimento della propria strategia, sia per i trader alle prime armi che di quelli più esperti.

Per mezzo di essi, i trader con poca esperienza possono operare come se fossero degli investitori esperti. Quelli che hanno alla base una certa esperienza, possono invece ricevere degli spunti per l’operatività aggiuntivi.

Il servizio segnali di trading 24Option è completamente gratuito. Puoi iscriverti gratis a 24option cliccando qui.

Conclusioni

Come abbiamo detto in queste righe, comprare ethereum e cripotvalute in generale presso una banca non è possibile. Al contrario, invece è possibile farlo per mezzo degli Exchange o per mezzo delle piattaforme di trading online; noi ne abbiamo riportate alcune delle migliori per caratteristiche e pregi, che sono risultate le più apprezzate dai trader.

Comprare ETH con queste è sicuro come se potessimo comprarle in banca in quanto come detto sono tutte piattaforme di trading regolamentate. Esse però a differenza di quanto offrono la banca, vi permettono di effettuare acquisti di criptovalute  con condizioni decisamente migliori e convenienti.

Quello che preme sottolineare è anche un’altro aspetto. Molti oggi ricercano il modo migliore per comprare questi asset, non perché vogliono tradarli o chissà per quale altro motivo; li vogliono acquistare solo perché vogliono cavalcare l’onda del successo delle valute virtuali sperando di guadagnare qualcosa.

Se davvero così fosse, sarebbe bene per voi iniziare ad esaminare l’asset con il quale volete investire seguire gli andamenti grafici, analizzarlo bene per mezzo dei grafici e successivamente decidere se investire o meno considerando sempre cishe si tratta di asset estremamente volatili.

Potrebbe essere anche questo un motivo per il quale non è possibile comprare Ethereum in banca, la quale al momento è in contrasto con il sistema bancario.

Bitcoin Investor è davvero il modo più semplice per guadagnare tanti soldi tradando il Bitcoin? Certamente non sempre quel che luccica è oro. Vale lo stesso principio per chi promette soldi facili. Molto spesso si è soliti incappare in delle truffe Bitcoin che si trovano in giro su internet perché si è poco attenti a quello che succede.

Il fatto stesso che il Bitcoin possa far guadagnare,e anche tanti soldi, non vuol dire che è un asset sicuro, come anche non è possibile pretendere di guadagnarne tanti e subito. Il nostro obbiettivo è quello di farvi comprendere davvero cos’è e come funziona Bitcoin Investor e soprattutto se funziona!

Partiamo dal principio che per guadagnare con il trading online investendo sui Bitcoin è possibile, ma solo se ci si affida a dei broker seri e professionali, come ad esempio lo è 24Option (clicca qui per visitare il sito ufficiale). Molti trader che si sono registrati su questo broker hanno dichiarato di aver guadagnato dei soldi e non di essere diventati ricchi come invece vuol farvi credere Bitcoin Investor.

Bitcoin Investor truffa?

Non lo possiamo dire noi. Certo è che un sistema che offre guadagni semplici di sicuro non è tanto onesto, non vi pare? Ma analizzando il sistema abbiamo scoperto che le opinioni e le recensioni di coloro che lo hanno provato non sono delle migliori.

Abbiamo notato che in molti forum si parla di Bitcoin Investor come un sistema poco serio, che non fa guadagnare e che truffa molti trader, in quanto questi non sono riusciti neanche a riprendere i propri soldi investiti. Si afferma anche che con Bitcoin Investor si perde tutto!

Analizzando il sistema si è scoperto che questo provvede a trasferire il denaro versato dal trader ignaro in un paradiso fiscale, al sicuro dalle indagini degli inquirenti. Noi ci stiamo limitando solo ad analizzare le opinioni e le recensioni sul broker e non lo abbiamo provato. Non ci teniamo minimamente! Sarà compito della magistratura indagare su questo. Possiamo solo dirvi di stare lontano da chi vi offre sistemi di guadagni semplici e veloci. Sicuramente non è tanto legittimo.

Come investire seriamente su Bitcoin?

A questo punto, non ci resta che offrirvi una soluzione ideale per investire seriamente sui Bitcoin. Come detto in precedenza lo potete fare con i broker regolamentati; in questo caso potete scegliere 24Option.

Tutti sanno che il Bitcoin è uno dei più grandi investimenti finanziari degli ultimi anni. Essi però sanno bene che l’investimento in criptovalute non è un gioco o un modo per guadagnare soldi facilmente. Questo lo sa bene anche 24Option ed è per questo che vi mette in guarda sui pericoli del trading online e dei CFD legati alle cripotvalute.

Grazie a 24Option tutti i trader possono investire in modo professionale sui Bitcoin, tradandoli, comprando quando il prezzo è basso e rivenderlo quando il prezzo aumenta. Alo stesso modo, potete guadagnare anche quando il prezzo scende per mezzo delle vendite allo scoperto. Anche in questo caso si tratta di un’operazione speculativa che permette di ottenere un profitto quando il prezzo di un titolo finanziario diminuisce. 24option vi offre questa soluzione di investimento.

La sua piattaforma semplice e adatta a tutti i trader vi permette di usufruire anche delle lezioni gratuite adatte a tutti coloro che vogliono imparare a fare trading. Esso si presenta con un’interfaccia semplice e intuitiva. Scaricando la guida gratuita (che trovi cliccando qui)  vi viene spiegato con parole semplici e comprensibili, come si fa a ottenere profitti con il Bitcoin e con tutti gli altri mercati finanziari. Puoi scaricare gratis la guida di 24option cliccando qui.

I vantaggi di 24option non si esauriscono solo in questo; esso vi offre un conto demo completamente gratuito al quale non viene applicata nessuna commissione e lo si può utilizzare in modalità demo, senza rischiare assolutamente nulla. Puoi iscriverti gratis su 24option cliccando qui.

In pratica a differenza di Bitcoin Investor, 24option è una piattaforma apprezzata da tutti i trader, esperti e non. Non possiamo invece dire lo stesso di Bitcoin Investor. Lo confermano anche coloro che hanno investito i loro soldi con Bitcoin Investor e successivamente se ne sono pentiti. L’opinione più diffusa su Bitcoin Investor è che si tratta di una vera e propria truffa.

Come funziona Bitcoin Investor?

Sicuramente non funziona come vi viene proposto. Il funzionamento di Bitcoin Investor è molto controverso; al momento non si capisce bene come esso possa funziona; vi viene proposto come un sistema che per mezzo di un investimento iniziale vi farà diventare ricchi. Chiacchiere!

Molti lo considerano come un primordiale sistema di trading automatico anche se non si capisce bene come esso funzioni. Da qui ne deriva che le opinioni e le recensioni di coloro che lo hanno provato sono tutte negative in quanto non rappresenta minimamente un sistema per investire ma solo una macchina di marketing diabolica.

Possiamo allora dire che Bitcoin Investor funziona allo stesso modo di come funziona:

  • Bitcoin Code;
  • Bitcoin Revolution;
  • Bitcoin Evolution;
  • Bitcoin Profit;
  • Bitcoin Trader.

Bitcoin Investor opinioni finali

In conclusione possiamo affermare che Bitcoin Investor a parte promettere soldi facili non fa altro. Nella realtà si tratta di un sistema che non fa guadagnare nulla. Allo steso modo, possiamo dire che si perde tutto il capitale investito e ci sono delle persone che si sono letteralmente rovinate inseguendo il sogno di fare soldi facili con Bitcoin Investor. Ecco il motivo per il quale sarebbe bene per tutti  voi investire seriamente con Bitcoin, utilizzando una piattaforma regolamentata come 24option (qui trovi il sito ufficiale).

Infine volevamo precisare anche che il bitcoin non è una truffa come si potrebbe pensare. Si tratta di una criptovaluta reale, che non ha nulla a che fare con le truffe, come invece si immagina. Sono i sistemi di truffa che sfruttano il nome Bitcoin al fine di adescare le vittime, ovvero i trader ignari di come si investe e si guadagna con il trading online in modo professionale. Da qui nasce poi il falso mito che il Bitcoin è una truffa!

Meglio invece starsene lontani dalle truffe e da quelli come Bitcoin Investor che sfrutta la fama del Bitcoin per attirarvi nella loro trappola. Soldi facili e guadagni facili sono sinonimi di truffe.

 

Cardano è uno dei progetti più interessanti da seguire nel mondo delle criptovalute. Con una capitalizzazione che supera i 2 miliardi di dollari, si combatte un posto tra le 10 crittomonete che attraggono più investimenti in assoluto. Probabilmente se hai aperto questa guida è perché ti sei interessato a questo progetto e vuoi scoprire quali siano le opzioni che hai a disposizione per investire.

In questa guida andremo ad esaminare tutti i modi che hai per comprare Cardano, ma non mancheremo di darti delle indicazioni per scegliere il migliore. In questo mercato c’è infatti una grande confusione, che spesso porta i meno esperti ad utilizzare delle piattaforme poco indicate. Non è colpa degli investitori: ad oggi manca ancora una chiara regolamentazione europea in materia di crypto, ed il sistema giuridico italiano non comprende delle indicazioni in tal senso.

Vedremo anche quali sono le migliori piattaforme per investire in Cardano. Ad esempio attualmente le più utilizzate sono 24option ed eToro, due broker regolamentati con licenza che hanno ottimi strumenti adatti soprattutto a chi inizia e vuole muovere i primi passi nel mondo delle criptovalute.

Tutti i modi per acquistare Cardano

Procediamo prima con un elenco ed una semplice descrizione di tutti i metodi a tua disposizione; nella seconda parte ci concentreremo su quale scegliere ed in base a quali parametri.

Quotazione Cardano

Exchange di criptovalute

Istintivamente potresti essere portato ad investire attraverso un exchange, essendo delle piattaforme che esistono proprio con l’esclusivo fine di negoziare crittomonete. Gli exchange funzionano in un modo molto simile ai cambiavalute tradizionali, anche se sono online:

  • Prima di tutto dovrai registrarti alla piattaforma;
  • Una volta aperto il tuo account, potrai depositare della valuta tradizionale (euro, dollari americani, ecc.) sul conto;
  • Quando i fondi sono correttamente aggiunti sul conto, puoi cominciare ad usarli per acquistare criptovalute;
  • Una volta che acquisti criptovalute, puoi rivenderle presso qualsiasi altro exchange, usarle per acquistare beni o servizi, oppure scambiarle a loro volta con altre criptovalute.

Il vantaggio di questa soluzione è la flessibilità: dal momento in cui le monete che acquisti sono dei Cardano veri e propri, puoi utilizzarli come preferisci. Lo svantaggio è che per gli investitori e gli speculatori puri i costi in commissioni risultano estremamente alti, la sicurezza non è per niente il massimo e la complessità è elevata.

Dovrai infatti aprire un tuo wallet di Cardano e saper trasferire i token dal tuo account al wallet, sapere come tenere al sicuro il tuo wallet (possibilmente trasferendo le monete su un portafoglio fisico di criptovalute) e impostare un’autenticazione a due fattori. Poi dovrai sapere come usare il wallet per spendere o riconvertire i tuoi Cardano; non trascurare questi aspetti, perché inizialmente vince l’entusiasmo dell’acquisto di una criptovaluta, ma con il tempo è facile rendersi conto di non saperla maneggiare bene o ritrovarsi il wallet svuotato da un hacker.

Minare Cardano

Il mining è una soluzione a costo zero, perché non farai altro che ricevere una parte dei nuovi token di questo tipo che vengono emessi tutti i giorni. Esattamente come nel caso di Bitcoin, infatti, non tutti i Cardano sono stati distribuiti subito al momento del lancio; nuove monete vengono inviate tutti i giorni ai miners, ovvero le persone che si qualificano a riceverli.

Il modo con cui ci si qualifica per l’invio di nuove criptovalute cambia a seconda della criptovaluta considerata. Nel caso di Cardano, i nuovi token vengono inviati a tutti gli utenti che hanno un wallet di queste crittomonete; in base a quanti Cardano hai già, potrai poi riceverne gratuitamente di nuovi per effetto del mining. Questo metodo di qualifica dei miners si chiama proof of stake ed è comune a molte altre crittomonete.

Ci sono due problematiche che limitano questa soluzione:

  • La prima, come puoi bene immaginare, è che se al momento non hai già dei Cardano non puoi minarne altri;
  • La seconda è che, se non hai delle cifre enormi da investire in questa criptovaluta, quello che riceverai non sarà affatto significativo. La redditività è molto bassa.

Trading online

Il trading online è una soluzione semplice e sicura, che si basa sull’utilizzo di un broker online. La sicurezza non è garantita soltanto dagli attacchi informatici, ma su tutta la filiera: i broker, infatti, per operare in Italia devono ricevere un’autorizzazione apposita dalla Consob.

Anche in questo caso andrai a creare un account sul sito, dopodiché sarai libero di comprare e vendere Cardano nel modo che preferisci. La cosa migliore, però, è che non devi poi preoccuparti di wallet e altre cose; i broker non vendono infatti dei Cardano veri e propri, ma i CFD sui Cardano. Si tratta di contratti derivati che hanno sempre, in ogni istante, lo stesso identico valore di Cardano; passando attraverso questi derivati, però, le commissioni vengono abbattute fino al 90% e la sicurezza è garantita perché nessun hacker avrebbe interesse a rubarli.

Il motivo per cui nessuno avrebbe interesse a rubarli è presto detto: i CFD di Cardano che compri su un broker li potrai rivendere soltanto a quello stesso broker. Rubare ad un utente non servirebbe a nulla, perché il broker si rifiuterebbe di riconvertirli in valuta tradizionale ad un ladro; dal momento in cui non sono vere e proprie criptovalute, al di fuori di quel broker non hanno poi nessun valore. Un sistema molto ingegnoso che permette a chi utilizza queste piattaforme di dormire sonni tranquilli.

Comprare Cardano con eToro

Tra i vari broker online, eToro è senza dubbio quello che ti raccomandiamo per investire in Cardano. Questo servizio unisce costi bassissimi in commissioni, una piattaforma molto semplice da utilizzare, l’autorizzazione della Consob ed un ulteriore grande vantaggio: la possibilità di copiare in automatico le mosse di qualsiasi altro iscritto. In questo modo, specialmente se ti interessa la speculazione ma non sai ancora muoverti bene sul mercato, puoi lasciare che eToro copi per te un broker già esperto ed in grado di anticipare meglio i trend.

Quale opzione scegliere?

Come avrai capito, tutto dipende da quali sono le tue intenzioni: a nostro avviso il trading online è la soluzione migliore per il 90% delle persone. Dal momento in cui Cardano è una criptovaluta ancora accettata in pochissimi posti –quasi tutti online e su siti stranieri- come mezzo di pagamento, per il momento è sicuramente più interessante la prospettiva di investire o speculare sul suo valore. E per farlo non c’è paragone: i broker, specialmente eToro, sono molto più pratici, sicuri e facili da usare di un exchange di criptovalute.

Per saperne di più su eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Questo contenuto è da intendersi per fine educativo e non dovrebbe essere considerato come alcun consiglio di investimento.

 Ethereum (Ether) è la seconda criptovaluta più capitalizzata in assoluto, direttamente alle spalle di Bitcoin. Vista questa posizione di grande rilievo, se sei interessato ad investire o fare trading sulle criptovalute non puoi fare a meno di sapere l’opinione degli esperti sul progetto Ethereum e sulla sua moneta virtuale, gli Ether. Qui vogliamo proprio fare un’analisi critica, riportando anche le previsioni degli analisti per il 2019.

Prima di cominciare dobbiamo chiarire un punto: la nostra redazione fa trading online anche su Ether, ma non detiene posizioni di lungo termine sulla criptovaluta. Per questo la nostra è una visione imparziale ed un’analisi oggettiva della quotazione, del progetto e del suo ipotetico futuro.

Vedremo anche quali sono le migliori piattaforme per investire in Ethereum. Ad esempio 24option permette grazie ai segnali (clicca qui per saperne di più) di essere subito operativi.

Perché credere in questo progetto

Ethereum è un progetto decisamente più avanzato di Bitcoin, perché non si tratta di una “semplice” criptovaluta. O meglio, è possibile trasferire gli Ether ad altre persone, comprare cose in Ethere e via discorrendo, ma non c’è soltanto questo. Ethereum è una virtual machine, cosa che potrebbe non suggerirti nulla ma che stiamo per spiegare meglio.

La grande utilità Ethereum

Quello che succede è che tutti i dispositivi connessi alla rete le prestano la loro potenza di calcolo, un po’come succede per Bitcoin. Anche in questo caso l’unione dei vari dispositivi crea una rete decentralizzata: significa che tutti i dispositivi sono connessi direttamente tra loro, senza un server centrale che detti le regole per tutti.

Questa rete ha una grande potenza di calcolo, come puoi immaginare, perché unisce milioni di computer in tutto il mondo. Unendosi, questi dispositivi creano una macchina “super”, che ha la potenza di calcolo di tutti i computer che la compongono messi insieme; per questo si dice virtual machine, perché la rete è in grado di comportarsi come se fosse una sola macchina anche se è fatta di tanti dispositivi connessi tra loro.

Chi è interessato può pagare con i suoi Ether e noleggiare questa potenza di calcolo, in modo da sfruttarla per costruire dei programmi e delle applicazioni da inserire all’interno della rete. Ad esempio potremmo creare all’interno di Ethereum un social network, un negozio dove tutto si paga in Ether, un videogioco o qualsiasi altra applicazione. In particolare si possono creare degli smart contracts, ovvero dei contratti intelligenti che sono in grado di regolare da soli i rapporti tra le due parti.

Tutto questo rende Ethereum un progetto molto più grande, ambizioso, ed in ultima analisi anche più utile, di Bitcoin. Molte aziende hanno già creato delle realtà all’interno della rete ed altre l’hanno usata per gestire i processi aziendali su blockchain. Questo tipo di tecnologia ha un’utilità evidente, destinata ad essere la maggior fonte di successo del progetto.

Un team vincente

Non basta avere un’idea vincente, nemmeno un progetto vincente: bisogna anche avere un team in grado di gestirlo al meglio, ed è proprio questo l’aspetto primario da valutare di una criptovaluta. Già in passato abbiamo visto ICO molto interessanti fallire per l’inesperienza di chi le guidava. Ethereum, fortunatamente, può contare su un team molto integrato, mondiale e di alto livello.

Il fondatore del progetto è Vitalik Buterin, un programmatore molto esperto e soprattutto uno dei primi ad essersi interessati di Bitcoin e delle criptovalute. Buterin ha anche gestito per un periodo la rivista più importante del settore, consolidando le sue conoscenze e le sue amicizie nel settore. In questo modo ha potuto portare una serie di menti brillanti con lui nella sua avventura in Ethereum.

Ad oggi, il team conta su una grande rete di sviluppatori che lo sostengono. In Svizzera è nata anche la Ethereum Foundation, organizzazione economica che si occupa di valorizzare le startup brillanti basate sull’utilizzo di questa rete e di far conoscere questa realtà sempre di più.

Quali sono le minacce?

Esattamente come ci sono dei buoni motivi per credere in un brillante futuro per Ethereum, altre cose possono spaventare gli investitori. Come abbiamo detto il progetto è molto buono, ma anche per questo ha portato con sé dei concorrenti importanti. In particolare NEO, Tezos e Cardano sono progetti che negli ultimi anni hanno avuto grande successo.

Alcuni di questi nomi sono anche in grado di risolvere il problema principale di Ethereum, ovvero quello della scalabilità. Lo stesso Vitalik Buterin ne ha parlato più volte, ammettendo che allo stato attuale c’è un problema con la blockchain difficile da risolvere: l’architettura di questa rete, infatti, funziona bene finché c’è un numero relativamente piccolo di informazioni da convalidare.

La convalida delle informazioni (es. Transazioni, acquisti, ecc.) non viene eseguita dalla virtual machine di Ethereum, ma dai singoli blocchi. Questo significa che se le informazioni fossero molte, oppure molto complesse, sarebbe molto difficile affidare ai singoli dispositivi la loro convalida. Quello della scalabilità rimane comunque un problema molto importante anche per Cardano, Tezos e tutti i diretti concorrenti di Ethereum.

Previsioni 2019

Ethereum è un progetto utile, ambizioso e con dei punti deboli che non sono stati superati al momento da nessun diretto concorrente. Inoltre il settore delle criptovalute, che tende a muoversi in blocco, sta andando molto bene nel 2019; anche la notorietà delle crypto sta aumentando, e quella di Ethereum in particolare cresce esponenzialmente grazie al nuovo interesse di massa verso le altcoin.

A fronte di tutto questo, a nostro modo di vedere il 2019 sarà un anno molto positivo per Ethereum. Con una capitalizzazione attuale di circa 30 miliardi di dollari, c’è ancora moltissimo spazio per gli acquisti e per veder crescere il prezzo. Il nostro target per l’anno in corso è intorno ai 450$. Si tratta di un’affermazione molto ambiziosa, ma anche giustificata da quello che abbiamo visto fino a questo momento.

Cosa ne pensano gli analisti, invece?

Abbiamo analizzato 83 analisi autorevoli pubblicate da gennaio ad oggi:

  • Il 78% degli analisti concorda nel fatto che il 2019 sarà un anno positivo per Ethereum
  • Il 64% prevede che a fine anno il prezzo sarà superiore a 500$
  • Il 48% prevede un valore superiore ai 1.200$ entro la fine del 2020

Nel complesso anche i professionisti dell’analisi di mercato sembrano concordare con le nostre ipotesi iniziali.

Come investire in Ethereum

Se stavi considerando l’idea di investire in Ethereum, ora sai che ci sono molte conferme che ti danno un buon motivo per farlo. Attenzione però al modo in cui concludi i tuoi investimenti: molto spesso gli exchange di criptovalute vengono hackerati, ed il livello di sicurezza informatica è ancora molto basso.

Il nostro consiglio è quello di guardare direttamente al mondo dei broker online, che sono estremamente sicuri. Quelli che ti presentiamo qui sono due dei servizi più conosciuti, che hanno ricevuto l’autorizzazione della Consob ad operare in Italia e rispecchiano tutte le norme europee di tutela degli investitori. I broker offrono un livello di affidabilità e convenienza senza dubbio più alto degli exchange di criptovalute; inoltre sono più semplici da utilizzare, visto che non dovrai aprire wallet o cose simili da integrare poi con la piattaforma.

24Option

Deposito minimo: 250 euro
Possibilità di fare pratica con un conto demo: sì, gratis ed illimitata

24Option, oltre ad essere sponsor ufficiale della Juventus, è anche uno dei top broker nel panorama europeo. Si tratta di un servizio di trading già utilizzato da milioni di persone, che consente tra le altre cose anche di investire in criptovalute. Potrai acquistare o vendere allo scoperto Ethereum, in modo da puntare a tuo piacimento sul rialzo o sul ribasso della sua quotazione.

Iscrivendoti a 24Option potrai ricevere vari servizi ausiliari che ti aiuteranno a ponderare gli investimenti e migliorare le tue abilità nel trading online:

  • Un ebook gratuito che ti permette di conoscere tutte le basi della materia, portandoti direttamente ad un livello di skill intermedie/avanzate;
  • I segnali di trading gratuiti di Trading Central, multinazionale specializzata nelle raccomandazioni ai trader. 24Option è uno dei pochissimi broker al mondo che offre questa integrazione, specialmente interessante perché avviene senza alcun costo;
  • Un calendario economico direttamente inserito nella piattaforma, in modo da rimanere sempre aggiornato sui più importanti eventi dei mercati finanziari.

Per saperne di più su 24option visita il sito ufficiale.

eToro

Deposito minimo: 200 euro
Possibilità di fare pratica con un conto demo: sì, gratis ed illimitata

EToro è diventato con ogni probabilità il broker più popolare di quest’anno, in quanto i suoi servizi sono ulteriormente migliorati. Nel caso in cui non lo sapessi, con questo broker hai la possibilità di copiare in automatico qualsiasi investitore; se sei alle prime armi nel mondo del trading questa è sicuramente una delle possibilità più interessanti, in quanto puoi limitarti a scegliere chi copiare e lasciare che sia lui a studiare le strategie di investimento in Ethereum.

Ovviamente hai la possibilità di navigare tra vari trader, in modo da scegliere con attenzione quelli da copiare, così come puoi fare trading in prima persona o dividere il tuo budget in più trader da copiare nello stesso momento. Questa funzionalità, detta copy trading, ha stravolto il mondo della speculazione online e sta diventando sempre più popolare. In ogni momento, poi, puoi smettere di copiare e riprendere indietro il tuo capitale eventualmente maggiorato per le operazioni andate a buon fine.

Per saperne di più su eToro visita il sito ufficiale

Bitcoin Loophole è un’altra azienda che propone investimenti truffaldini in Bitcoin. Precisiamo che, malgrado il nome, questa azienda non ha nessun legame ufficiale con Bitcoin e non è in grado di influenzare in alcun modo il valore di questo asset, se non in minima parte con la domanda di mercato che possono generare i suoi utenti. Il nome è soltanto un magnete per attirare investitori poco competenti che, leggendo il nome “Bitcoin”, pensano immediatamente di avere a che fare con la criptovaluta più capitalizzata di tutte.

Per dirla tutta, Bitcoin Loophole è una truffa uguale a tante altre. Purtroppo si stanno diffondendo questi schemi piramidali che propongono ai malcapitati dei ritorni incredibili sugli investimenti e montagne di soldi facili. La cosa buffa è che, in questo caso, abbiamo persino un’omissione di colpa da parte dell’azienda sul sito ufficiale. Se ti è stato proposto di investire in questo tipo di azienda, il nostro consiglio è quello di starne alla larga il più possibile per evitare perdite consistenti di denaro.

Niente a che vedere con le piattaforme per criptovalute più utilizzate che hanno licenze e regolamentazioni. Ad esempio 24option (qui trovi il sito ufficiale) è una piattaforma REGOLAMENTATA che non a caso viene utilizzato da milioni di utenti in Europa. In effetti viene utilizzata anche per altri motivi, ad esempio per i segnali di trading che permettono di prendere spunto per le proprie operazioni.

Cosa promette Bitcoin Loophole

L’azienda sostiene di aver sviluppato un software che può anticipare i movimenti di mercato di Bitcoin e fare trading in automatico su questa criptovaluta per portare enormi profitti a tutti i suoi clienti. Il sito ufficiale si apre con la promessa di poter fare addirittura 13.000 dollari in meno di 24 ore, strategia ovviamente pensata per attirare l’attenzione. Chiunque conosca minimamente il mondo degli investimenti sa che nessun rendimento può essere promesso quando si parla di trading sulle criptovalute.

La promessa di Bitcoin Loophole è quella di prendere i tuoi soldi, di investirli su Bitcoin con il suo fantomatico algoritmo, moltiplicandoli ed aiutandoti a diventare un milionario in tempi brevi senza fare niente. Vengono anche presentate delle storie di ragazzi giovani che sono diventati ricchi grazie a Bitcoin; queste storie sono vere, ma quelle persone sono diventate ricche grazie ai loro investimenti sulla criptovaluta e non su Bitcoin Loophole che, come abbiamo detto, non ha niente a che fare con il Bitcoin vero e proprio.

Già per questi presupposti risulta chiaro che non c’è niente di valido in questa azienda, né niente di vero in quello che propone. Vogliamo comunque spiegarti meglio che cosa accada realmente e quali alternative ci siano per fare investimenti leciti, sani e trasparenti in Bitcoin.

Cosa succede realmente

Quello che succede realmente è completamente diverso da quello che viene promesso. Prima di tutto, non c’è nessun software magico che moltiplica il tuo denaro mentre dormi. Come molte altre aziende di questo tipo, ripaga gli investitori con i soldi degli ultimi investitori arrivati per un pochino di tempo; questo fa in modo che incomincino a girare opinioni positive e che sempre più persone diventino clienti.

Non appena i soldi per continuare con questo “trucchetto” sono finiti, l’azienda sparisce. Esattamente come successo a Bitcoin Trend App, Bitcoin Rush, Tessline e tutte le altre truffe a cui abbiamo assistito fino a questo momento. La truffa è quella che viene definita uno schema Ponzi, tipo di investimento che in Italia è stato dichiarato illegale già da decenni.

Il problema è che il mondo online viaggia molto velocemente, più velocemente di quanto i regolatori riescano a fermare le varie truffe che nascono ogni giorno. Bitcoin Loophole è l’ennesimo schema Ponzi di cui abbiamo sentito parlare questa settimana, e persino la nostra redazione fa fatica a stare dietro a tutte le recensioni da scrivere per fare in modo che gli investitori vengano informati prima di commettere un grande errore.

Non gettare Bitcoin con l’acqua sporca

Il fatto che ci siano delle aziende truffaldine che sfruttano la credibilità delle criptovalute per fare i propri interessi è brutto. Questo non significa che tu debba etichettare anche Bitcoin nello stesso modo, perché resta il fatto che si tratta di uno degli strumenti finanziari più interessanti attualmente disponibili sul mercato.

Ci sono modi del tutto legali e trasparenti per cavalcare l’onda di innovazione che BTC e le altre criptovalute hanno portato al mondo della finanza. La migliore sono i broker per il trading online, ma sempre e solo quelli autorizzati ad operare in Italia dalla Consob. Si tratta di piattaforme online che ti permettono di aprire gratuitamente un account, di scegliere dove preferisci investire e di chiudere le tue posizioni come e quando preferisci.

Il trading online è un’attività molto seria, che esiste ormai da oltre vent’anni ed è regolamentata per legge. I servizi migliori ormai offrono tutti la possibilità di speculare anche su Bitcoin, Litecoin e tutte le altre principali criptovalute. Potremmo parlarti di varie piattaforme fatte in questo modo e molto serie, ma preferiamo direttamente parlarti della migliore che abbiamo mai provato. Considera che la nostra recensione ha provato e recensito quasi tutti i servizi legalmente disponibili in Italia, quindi ci riserviamo di dire che il nostro è un giudizio piuttosto severo.

Investire in Bitcoin con 24Option

Il brand di cui ti vogliamo parlare è proprio 24Option, servizio già molto conosciuto in Italia anche in virtù dell’essere sponsor ufficiale della Juventus. Si tratta di un broker molto completo, che ti permette di scambiare Bitcoin con tutte le principali valute tradizionali e di fare trading liberamente su questo asset; nessun software magico: sei tu che puoi liberamente scegliere quando e quanti Bitcoin comprare o vendere.

Oltre a BTC la piattaforma raccoglie anche gran parte delle altcoin più interessanti, ovvero le valute “alternative” a Bitcoin come Ethereum, Litecoin, Dash e Ripple. Non dovresti sottovalutare queste altre criptovalute.

24Option offre tanti vantaggi ai suoi clienti:

  • Un ebook gratuito (clicca qui per scaricarlo) che ti permette di comprendere la basi degli investimenti in crittomonete, passando da un livello da principiante ad uno di utente intermedio/avanzato;
  • I segnali integrati di Trading Central, gratis per tutti i clienti, che ti avvisano in ogni circostanza in cui Bitcoin sta attraversando un trend interessante. Clicca qui per saperne di più sui segnali di trading.
  • Le analisi degli esperti che ti aiutano a prendere decisioni sulle tue prossime mosse.

Puoi aprire gratis il tuo conto quando preferisci. Se vuoi puoi anche provare a fare trading aprendo un conto demo, in modo da utilizzare del denaro virtuale che ti verrà messo gratuitamente a disposizione da 24Option per provare tutte le funzionalità del broker. In questo modo potrai investire liberamente su Bitcoin, senza farti coinvolgere in schemi poco seri e destinati a truffare i clienti come Loophole.

Ripple (XRP) è una delle criptovalute più chiacchierate in assoluto. Come mai? Il motivo è semplice. Si tratta di un progetto molto ambizioso, che punta a fare da raccordo tra il mondo della finanza tradizionale e le criptovalute. Ecco perché ci sembra importante concentrarci per un attimo sulle previsioni che riguardano questa crittomoneta, andando ad esaminare le prospettive future che le si parano davanti.

Non vogliamo sbilanciarci troppo, per cui ci limiteremo a fare un’analisi molto critica ed oggettiva di quello che possiamo aspettarci da Ripple nel corso dei prossimi anni, attingendo largamente alle opinioni di grandi analisti dei mercati finanziari, esperti di criptovalute e di finanza tradizionale.

Attualmente le criptovalute stanno vivendo un momento ottimo con il prezzo che subisce tante oscillazioni. E’ il momento ideale per fare profitti sfruttando le piattaforme di trading. Per farlo, però, occorre utilizzare solo e soltanto piattaforme REGOLAMENTATE. Un nome su tutte è quello di 24option (qui trovi il sito ufficiale) che attualmente è la migliore per investire non solo su Ripple ma anche su altre criptovalute.

Perché Ripple dovrebbe avere successo?

Questa non è una domanda banale. Quando analizzi una criptovaluta devi pensarla più come un’azienda che come una valuta vera e propria: perché dovrebbe crescere e prosperare in quanto progetto? Quante probabilità ci sono che il management riesca realmente a realizzare questo progetto? In che misura è già stato realizzato fino a questo momento?

Non c’è dubbio sul fatto che Ripple e la sua criptovaluta XRP abbiano un alto valore aggiunto. Il loro obiettivo è fare in modo che le banche, le istituzioni finanziarie tradizionali e quelle digitali possano inglobare la tecnologia delle criptovalute per offrire servizi migliori. Questo significa potenzialmente bonifici immediati che viaggiano da una parte del mondo all’altra, commissioni minime o inesistenti, cambi di valuta istantanei e con commissioni infinitesimali.

Già decine di aziende, società di investimenti e banche in tutto il mondo hanno deciso di adottare Ripple nelle loro operazioni. Qui infatti è proprio importante osservare l’adozione da parte delle aziende, e non da parte delle persone come avviene per quasi tutte le altre principali criptovalute. Esattamente come tutte le tecnologie bancarie, l’obiettivo non è la diffusione presso il grande pubblico.

Anni di successo

Fino a questo momento possiamo dire che i manager di Ripple non abbiano perso l’occasione per dimostrare la loro capacità di trasformare i progetti in fatti. Settimanalmente sentiamo parlare di nuove partnership con aziende legate all’ambito finanziario, di ogni genere e dimensione. Nel riuscire a connettere sempre più punti di questo sistema, Ripple aumenta la sua forza e l’interesse di altre aziende ancora ad adottarne la tecnologia.

Come sempre dobbiamo ricordarci che i successi ottenuti in passato non sono necessariamente indicativi di quello che avverrà in futuro, per cui non dobbiamo subito volare sulle ali dell’entusiasmo. Siamo altrettanto felici di osservare che, partendo da un desiderio così apparentemente folle come quello di rivoluzionare gli schemi dei maggiori gruppi bancari del mondo, la dirigenza di Ripple si stia dimostrando in grado di mietere successo.

Rischi per il futuro

Quali sono le minacce che possono ostacolare il cammino di Ripple? Per il momento non se ne vedono molte. In realtà esistono delle criptovalute molto simili, sempre nate con l’intento di trasferire valute tradizionali o valore di qualsiasi tipo (metalli, azioni, ecc.) attraverso l’intermediazione di una blockchain. Sono comunque progetti che puntano ad un target diverso, ovvero quello dei consumatori finali, e che per il momento hanno una capitalizzazione decisamente inferiore a quella di Ripple.

Il cammino di XRP è anche diverso da quello previsto per le criptovalute in generale. Al di là del destino che potranno incontrare Bitcoin, Ethereum e le principali alternative del settore, infatti, sembra evidente che in questo caso stiamo parlando di token che hanno caratteristiche molto diverse. Caratteristiche diverse, percorsi diversi, per cui non c’è da allarmarsi nel caso in cui anche Bitcoin dovesse perdere parte del suo valore nei prossimi anni.

L’unico vero rischio per il futuro di Ripple è quello che le banche decidano di adottare questa tecnologia, ma sviluppandone una propria versione anziché appoggiarsi ai Ripple Labs. Sembra comunque un’ipotesi piuttosto remota, specie dal momento in cui affinché questa innovazione funzioni a dovere deve essere comune a tanti istituti diversi. Non è facile creare un cartello di banche decise a scardinare la rilevanza di XRP in nome di un pochino di convenienza ed indipendenza in più.

Ripple: previsioni di prezzo per il 2019-2022

Al momento della scrittura di questo articolo, Ripple è la terza criptovaluta più capitalizzata in assoluto con una capitalizzazione di mercato da 17,5 miliardi di dollari ed un valore di 0,41 dollari americani per token. Purtroppo fino a questo momento e per lo meno per il prossimo anno e mezzo dobbiamo accettare il fatto che il destino di XRP sarà molto legato all’andamento del settore in generale ed a quello di Bitcoin.

Questo succede perché al momento il mercato delle criptovalute è ancora molto giovane ed immaturo, per cui gli investitori tendono a muoversi in blocco senza eseguire delle distinzioni vere e proprie. Quando l’ondata speculativa spinge il valore delle crypto verso l’alto queste tendono a muoversi tutte in blocco, così come quando il valore scende le vendite toccano tutti i token.

Fortunatamente abbiamo assistito ad un grande 2019 per tutto il comparto, con un 2020 che si prospetta anche migliore visto l’halving di Bitcoin previsto per il luglio prossimo. La maggior parte degli opinionisti è concorde nell’affermare che i prossimi 18 mesi saranno una fase di espansione molto forte per tutto il settore, che porterà anche Ripple a vivere un trend ascendente impossibile da ignorare. Ormai sempre più analisti finanziari, anche nel mondo dei mercati tradizionali, si stanno avvicinando a questo tipo di asset e ne stanno parlando come di una rivoluzione destinata a rimanere e crescere sempre di più.

Abbiamo fatto una media delle previsioni degli analisti più importanti:

  • 2019: 0,64 USD
  • 2020: 0,89 USD
  • 2021: 1,11 USD

Questa è una media su 41 previsioni, positive e negative, di manager che gestiscono fondi d’investimento o hanno altre posizioni molto autorevoli nel mondo dei mercati finanziari. Come puoi vedere, si prevede che per la fine del 2021 il prezzo sia quasi triplicato rispetto a quello attuale. La nostra redazione è concorde, anche se molto meno autorevole delle voci di questi luminari, con una prospettiva di questo genere.

Come investire in Ripple

A nostro modo di vedere, il modo migliore per investire in Ripple è sfruttando i broker di trading online. Questo perché offrono il massimo della sicurezza e del rispetto dei dati personali degli utenti, sono autorizzati ad operare in Italia e permettono di investire in una maniera molto semplice.

Ci sono tanti broker per il trading online, ed ormai molti di questi permettono di investire anche in criptovalute. Come sempre abbiamo deciso di fare una selezione, in modo da consigliarti soltanto i servizi che si sono rivelati al top di categoria dopo essere stati messi a dura prova dalla nostra redazione; su 12 servizi testati, vogliamo presentartene due che si sono rivelati particolarmente validi.

24Option

Investire in Ripple con 24Option è una scelta molto sicura. Come forse saprai, 24Option è uno dei broker più popolari in Italia ed è sponsor ufficiale della Juventus. Al di là di quale sia la tua fede calcistica, molto difficilmente troverai un servizio migliore di questo con cui comprare e vendere XRP.

Ad ogni nuovo cliente, 24Option regala un ebook molto valido che spiega tutte le basi degli investimenti sulle criptovalute. Il materiale è stato predisposto da alcuni dei migliori trader di questo broker, persone che con il trading online hanno realizzato cifre davvero importanti, per cui ti consigliamo di iscriverti anche solo per avere acceso a questa risorsa. Troverai anche spread molto bassi ed una velocità d’esecuzione degli ordini quasi imbattibile: per il momento è il broker che ci piace di più con cui investire in Ripple.

I vantaggi non finiscono con l’ebook, per quanto questo sia sicuramente molto valido. In particolare ti segnaliamo il fatto che, facendo trading con questo broker, avrai la possibilità di sfruttare gratuitamente i segnali di Trading Central che ti aiuteranno a scoprire sempre i trend più interessanti di Ripple e ad analizzarli. Se non ti senti pronto ad investire, puoi anche pensare di aprire un conto demo gratuito e senza limiti di tempo con cui provare le funzionalità del broker prima di passare al conto reale.

Per iniziare a investire in criptovalute con 24option clicca qui e visita il sito ufficiale.

eToro

Investire su Ripple con eToro è una scelta altrettanto valida, anche se per motivi completamente diversi. Questo broker, infatti, ha rivoluzionato il mondo del trading offrendo a tutti gli utenti la possibilità di copiare in automatico le mosse dei migliori speculatori sulla piattaforma. Questo significa che potrai scegliere se investire tu stesso in Ripple, oppure analizzare le mosse degli altri utenti per trovare i più meritevoli e copiarli.

Il fatto di poter copiare significa che non dovrai necessariamente essere davanti al computer o all’applicazione di eToro per seguire gli alti e i bassi di Ripple: potrai semplicemente concentrarti sull’identificazione di un team di speculatori che investiranno al posto tuo, mentre tu godi degli effetti delle loro decisioni. Ovviamente nessun trader può garantirti risultati certi, ma eToro ti mette a disposizione tutti gli strumenti per analizzare le performance passate e farti un’idea di chi vuoi inserire nel tuo team di speculatori da copiare.

Altre piattaforme per investire su Ripple

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD su bitcoin,azioni,forexRendimenti elevatiISCRIVITI
plus500CFD su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
etoroCFD, criptovaluteSocial trading, copyportfolioISCRIVITI
xmConti Zero spreadGuide e tutorialISCRIVITI

Il 2019 si sta rivelando un grande anno per Bitcoin. Il 2018 era cominciato raggiungendo l’apice del suo valore fino a questo momento, con BTC arrivato a sfiorare i 20.000 dollari per token. Da febbraio in poi, però, la disfatta: il crollo della bolla speculativa che si era venuta a creare ha portato il valore di Bitcoin a scendere fino ai 3.500 dollari per token, bruciando oltre l’80% della capitalizzazione di mercato.

Qualcuno era già pronto a dare Bitcoin per spacciato, rilegandolo nell’albo delle mode passeggere. La criptovaluta più capitalizzata in assoluto, però, è tornata a trainare il settore ancora una volta nel 2019. Al momento oscilla intorno ai 10.000 dollari per token e niente lascia pensare che non torneremo a raggiungere livelli più alti di quello attuale.

Vedremo inoltre perché è fondamentale utilizzare piattaforma certificate per investire in Bitcoin. Per fare un esempio citiamo 24option (clicca qui per saperne di più) che rappresenta forse la migliore scelta per operare sul Bitcoin grazie ai suoi segnali di trading, un servizio gratuito utilizzabile da chiunque.

Prospettive a confronto

Chi non conosce granché il mercato delle criptovalute potrebbe semplicemente pensare che la bolla speculativa esplosa a fine 2017 sia stata in qualche modo la grande disfatta di Bitcoin. In realtà, lo vedremo meglio in questi paragrafi, si tratta della terza bolla da quando questo asset ha cominciato ad esistere nel 2009. I periodi di forte contrazione e forte espansione sono connaturali alle crypto, che non crescono in modo lineare ma “per bolle in successione”.

Il grafico lineare

Se prendiamo una scala lineare, in cui ogni “scatto” sull’asse orizzontale ha sempre lo stesso valore, ci troviamo di fronte il grafico che viene mostrato più spesso relativo al valore di Bitcoin. Si presenta, ad oggi, come nell’immagine qui in basso.

Come si vede dall’immagine, il momento di accumulo ed esplosione della bolla del 2017 sembra aver cambiato i paradigmi di questo asset. Da un valore poco superiore ai 2.000 dollari siamo passati ad uno di quasi 20.000, ma in realtà non c’è molto di cui stupirsi.

Il grafico logaritmico

Andiamo ad analizzare il grafico su scala logaritmica, ovvero quello in cui ogni “scatto” sull’asse orizzontale vale dieci volte più di quello precedente. Ora vediamo una situazione completamente diversa.

Come puoi vedere, da questo grafico emergono delle cose interessanti:

  • Bitcoin ha avuto tre picchi e tre crolli, ma alla fine di ogni crollo ha ripreso a crescere verso livelli più alti dei precedenti;
  • Quello del 2017, in proporzione, è stato il picco ed il crollo di minor rilevanza;
  • Ogni periodo di espansione e crollo è più lungo del precedente;

Halving: la parola chiave nelle previsioni di Bitcoin per il 2019

Il ciclo dell’halving è molto importante per elaborare previsioni relative a BTC. Forse saprai che, in totale, non esisteranno mai più di 21 milioni di Bitcoin. Questi non sono già tutti disponibili sul mercato: i miner ne ottengono di nuovi, come ricompensa, ogni volta che minano un blocco.

Ogni 2048 blocchi minati la blockchain dimezza la quantità di Bitcoin che vengono regalati ai miners una volta minato il blocco. Questo significa che l’offerta si riduce, dunque il prezzo aumenta. Come puoi notare dal grafico, specialmente quello su scala logaritmica, le bolle si innescano poco dopo ogni halving ed esplodono circa a metà del ciclo.

Il penultimo halving si è verificato nel novembre 2012, poi l’ultimo nel luglio 2016: il prossimo è previsto per il giugno 2020. Questo significa che possiamo aspettarci, per il momento, un rialzo progressivo fino alla metà del 2022; intorno alla metà del 2022 è probabile che gran parte del valore accumulato fino ad ora venga bruciato in un’altra bolla speculativa, che poi lascerà spazio ad una nuova crescita.

A fronte di questa analisi tecnica, la nostra redazione si sente di dire che le previsioni di Bitcoin per il 2019 sono senz’altro favorevoli.

Analisi fondamentale di Bitcoin per il 2019

Fino a questo momento abbiamo parlato di analisi tecnica, quindi ci siamo concentrati su quello che ci dicono i grafici e sui percorsi ricorrenti che vediamo verificarsi in essi. Ci sembra comunque molto interessante approfondire la questione dal punto di vista fondamentale, ovvero osservando il modo con cui oggi è possibile utilizzare Bitcoin nella società e lo stato di adozione della criptovaluta.

Vivere di Bitcoin

Ad oggi diventa sempre più semplice vivere di Bitcoin, grazie a due fondamentali strumenti che hanno esponenzialmente aumentato la fungibilità delle criptovalute. La prima sono le app di pagamento tramite smartphone: in questo caso l’utente paga in Bitcoin, poi le criptovalute vengono processate da un exchange ed il venditore riceve valuta fiat come pagamento. Grandissime aziende hanno già iniziato ad accettare questi sistemi di pagamento: Starbucks, AT&T, Gamestop, WholeFoods e molte altre ancora.

Il secondo strumento di pagamento interessante sono le carte prepagate ricaricabili, come quella rilasciata da Coinbase. Queste carte vengono associate ai wallet di criptovalute e permettono agli utenti di strisciare la propria carta in qualunque negozio; ancora una volta per il venditore non cambia nulla, in quanto riceve direttamente valuta tradizionale sul suo conto corrente.

Questi due strumenti hanno dato un grande impulso all’utilizzo di Bitcoin come metodo di pagamento ed hanno aumentato in modo importante la domanda di crypto.

Adozione e conoscenza

Molti studi interessanti, tra cui quelli condotti da HBUS, rivelano che l’adozione di criptovalute è in costante aumento. Specialmente negli Stati Uniti, la terra in cui vengono più spesso effettuati, si nota un aumento davvero interessante di persone che sanno che cosa sia e/o hanno comprato Bitcoin.

Anche se ci sono meno dati a riguardo, è evidente che anche in Europa le generazioni meno giovani si stiano comunque avvicinando ai temi della blockchain e della finanza libera decentralizzata. L’Asia e l’Africa, dal canto loro, sono state i primi due continenti a vedere un’adozione di massa e questa continua imperterrita ancora oggi. Qui non stiamo parlando di fenomeni solo speculativi, ma di domanda “organica” di Bitcoin come strumento sicuro e anonimo con cui gestire le proprie finanze.

Regolamentazione (nei limiti)

Le criptovalute nascono per essere uno strumento di pagamento completamente libero e non regolamentato. Questa cosa è in parte una caratteristica interessante, in parte un grande limite: sono nate moltissime truffe connesse al settore in questi anni, ed è sempre più necessario avere una distinzione tra ciò che è lecito e non è lecito proporre in questo ambito agli investitori.

Già molte nazioni del mondo hanno cominciato a lavorare a leggi a riguardo, alcune già applicano delle normative precise in merito. Stati Uniti ed Europa hanno deciso di non ostacolare il percorso di crescita di questi nuovi asset digitali, che presto verranno definitivamente normati per eliminare dal contesto tutti quei progetti simili a schemi Ponzi, catene di Sant’Antonio e simili.

Anche a livello fondamentale, dunque osservando come sta evolvendo la società, possiamo dire che le previsioni per il valore di Bitcoin nel 2019 e negli anni seguenti sono senz’altro positive.

Come investire in Bitcoin oggi

Man mano che passa il tempo evolvono anche gli strumenti disponibili per speculare con le criptovalute. Se il tuo obiettivo è quello di investire, puoi farlo con degli strumenti sicuri al 100% che sono già regolamentati in Europa ed autorizzati a operare in Italia. Parliamo dei broker di CFD, ovvero quei portali web nati per offrire strumenti finanziari online agli iscritti.

Ci sono vari broker che trattano criptovalute e hanno ricevuto altrettanto l’autorizzazione della Consob. In questa guida vogliamo presentartene due in particolare, che noi riteniamo particolarmente validi anche in virtù del fatto che la nostra redazione li utilizza quotidianamente per le proprie operazioni di trading online.

Investire in Bitcoin con Plus500

Plus500 è uno dei broker più conosciuti in assoluto, anche perché è sul mercato da oltre dieci anni. La sua forza è quella di offrire costi di trading davvero ridotti al massimo: non si paga nessuna commissione per aprire e chiudere le posizioni, ma soltanto un piccolo spread tra prezzo di acquisto e vendita. A livello di costi Plus500 è davvero il brand da battere, ed in un settore dove tutti i servizi sono molto simili si vince con la sicurezza e la convenienza: due aspetti che Plus500 può vantare come cavalli di battaglia.

Puoi aprire un conto reale ed iniziare a fare trading di Bitcoin con Plus500 con un investimento minimo di soli 100 euro; in alternativa puoi approfittare del conto demo gratuito e senza limiti di tempo per testare le funzionalità della piattaforma.

Investire in Bitcoin con 24Option

24Option è un brand che forse conosci già, essendo sponsor ufficiale della Juventus. Qui però non parliamo di fede calcistica, ma di quanto questo broker sia interessante per fare trading online sulle criptovalute. A differenza di Plus500 i costi sono solo leggermente più alti, ma in compenso si ottengono servizi molto utili.

Prima di tutto 24Option permette a tutti di passare dal livello di principianti dei mercati finanziari ad un livello intermedio, grazie al completissimo ebook gratuito offerto ai trader. Inoltre ad ogni account viene regalato un abbonamento integrato a Trading Central, il famoso servizio di segnali di trading che prende le analisi di grandi esperti dei mercati finanziari e le diffonde ai clienti.

Speriamo di esserti stati utili, sia per capire quali siano le prospettive attuali di Bitcoin sia per capire in che modo sia meglio investire su questo asset. La nostra redazione ti ringrazia per l’attenzione e sarà felice di rispondere ad ogni tuo eventuale commento.

Bitcoin Era recensione ed opinioni: truffa o funziona?

Bitcoin Era è una delle tante truffe identiche le une alle altre che hanno per oggetto Bitcoin e le criptovalute. Magari ti è stato proposto di investire in questo schema Ponzi oppure te lo ha proposto un tuo amico; se non lo hai già fatto, è importante che tu legga questa guida prima di investire. Se invece lo hai già fatto, almeno eviterai di fare ulteriori depositi.

Prima di cominciare è importante ricordare ai nostri lettori che non abbiamo alcun interesse a definire Bitcoin Era una truffa, né economico né di altro genere. La nostra recensione si basa prima di tutto sull’esperienza, perché abbiamo già incontrato moltissimi raggiri analoghi, ed in secondo luogo su quello che il sistema giuridico italiano definisce come un modo lecito per investire denaro.

Vedremo anche perché conviene investire in criptovalute (soprattutto ora) con piattaforme CERTIFICATE e regolamentate. Per fare un esempio una delle migliori è 24option (trovi il sito ufficiale qui), in quanto ha strumenti come segnali ed ebook gratuiti che facilitano l’apprendimento a tutti.

Bitcoin Era: l’ennesimo schema Ponzi

C’è una grande differenza tra quello che viene raccontato ai malcapitati investitori e quello che succede, invece, realmente in Bitcoin Era. Anche in questo caso si tratta di uno schema già visto e rivisto, anzi: i fondatori sono stati ben poco fantasiosi, copiando pari pari Bitcoin Rush, Bitcoin Trend App e vari schemi analoghi.

Cosa viene promesso agli investitori

Agli investitori viene fatto credere che questo sia un sistema innovativo per investire con Bitcoin. Quel che dovrebbe succedere è che i soldi, una volta presi dagli investitori, vengono investiti sfruttando un certo tipo di algoritmo speculativo magico in grado di mietere profitti molto importanti. Così importanti che si promette addirittura agli investitori la possibilità di recuperare tutto il denaro investito in poche ore.

Stando alle fonti dell’azienda, se così vogliamo chiamarla, questo sarebbe un metodo semplice ed efficace per diventare milionari senza alcuno sforzo. Ovviamente non esiste nessun metodo di questo genere. Ma proseguiamo lo stesso. Per convincere gli investitori a credere in Bitcoin Era viene mostrato un video in cui Bill Gates parla di Bitcoin, totalmente esulato dal suo contesto e totalmente fuori argomento; il magnate fondatore di Microsoft stava parlando di Bitcoin, non di Bitcoin Era. Al contrario di quello che l’azienda vorrebbe far pensare, non c’è alcun legame tra questa e la famosa criptovaluta.

Cosa succede realmente

Qualcuno dei nostri lettori potrebbe essere già familiare con il concetto di schema Ponzi. È un tipo di truffa che esiste da moltissimo tempo: c’è un’azienda che promette enormi guadagni, così alcune persone aderiscono. A queste vengono effettivamente mostrati dei guadagni, in modo che ne chiamino altre ad investire ed aumentino il valore del loro investimento.

Man mano che passa il tempo, gli investitori vengono semplicemente remunerati con una parte dei soldi messi nello schema dagli ultimi investitori entrati. Si crea un circolo vizioso che non ha alcun reale valore, e che crolla nel momento in cui le uscite di cassa per ripagare gli investitori già entrati sono più alte delle entrate provenienti dai nuovi investitori. In quel momento l’azienda scappa, come è sempre successo, insieme a tutti i soldi delle persone che hanno investito in essa.

Lo abbiamo già visto succedere con Tessline, con Onecoin e con varie truffe ben più strutturate di questa. Bitcoin Rush, una truffa esattamente identica a questa, ha fatto la stessa fine nell’aprile 2019. I creatori di questi schemi si arricchiscono ai danni degli investitori entrati successivamente, in un circolo vizioso in cui qualcuno casca sempre.

Investire in criptovalute? Fallo con intelligenza!

La nostra redazione è la prima a dire che le criptovalute siano un asset finanziario molto interessante, specialmente per chi è interessato alla speculazione sulle loro oscillazioni di valore. Bitcoin ormai esiste da dieci anni, dieci anni di grande crescita ed ora è una valuta accettata come pagamento da alcuni dei principali negozi online e offline.

Sempre più persone conoscono le criptovalute e decidono di investire, ma bisogna farlo nel migliore dei modi. Questo significa, prima di tutto, evitare tutte le aziende che non hanno una regolamentazione europea e non hanno ricevuto l’autorizzazione della Consob per operare in Italia. Nessun’azienda seria eviterebbe di farsi regolamentare e poi approvare dalla Consob, dal momento in cui questo aspetto fa la differenza tra l’operare legalmente ed illegalmente.

Non esiste comunque, anche al di fuori dell’universo delle aziende d’investimenti regolamentate, alcuna azienda che gestisca i soldi dei suoi clienti promettendo guadagni esorbitanti in poco tempo. Nessun guadagno può essere garantito quando si parla di mercati finanziari, perché ciò che succederà domani è un’incognita per tutti. Detto questo, esistono servizi molto seri che si possono utilizzare per sfruttare le criptovalute e farne uno strumento speculativo molto efficace.

La migliore soluzione per investire in criptovalute

Tra le varie aziende esistenti, il nostro consiglio è quello di rivolgersi ad un broker serio come 24Opion. Forse, essendo sponsor ufficiale della Juventus e di molti eventi importanti, ne hai già sentito parlare. Si tratta di un’azienda, rigorosamente regolamentata dalla CySec ed autorizzata ad operare in Italia dalla Consob, che tratta proprio di speculazione online.

Sfruttando 24Option potrai investire in Bitcoin come e quando preferisci, utilizzando una piattaforma che ha vinto premi a livello internazionale ed è universalmente riconosciuta come una delle migliori per fare trading online di crypto. Puoi aprire un conto demo gratuito quando preferisci, in modo da provare tutte le funzionalità del broker con denaro virtuale e senza possibilità di perdere nemmeno un euro. Quando poi ti sentirai pronto potrai fare il salto di qualità, passando al conto reale.

24Option mette a disposizione di tutti i clienti un ebook gratuito (clicca qui per saperne di più)  in cui vengono spiegate molto bene tutte le basi del trading online. In questo modo puoi passare dal tuo livello attuale ad un livello medio-avanzato, migliorando la tua capacità di prevedere l’andamento di Bitcoin. Sarai comunque facilitato anche dai segnali di trading gratuiti che 24Option invia in esclusiva ai suoi clienti; si tratta di analisi preparate dagli esperti di Trading Central, sempre impeccabili nell’identificare i trend più interessanti del momento.

Libra è la criptovaluta di Facebook; essa è stata finalmente presentata al pubblico degli investimenti. In questa guida analizzeremo alcune sue caratteristiche e tutti i suoi dettagli più importanti.

La notizia di un suo imminente arrivo si è avuta quanto il social network ha pubblicato l’atteso comunicato stampa; qui è stato ufficializzato il suo arrivo.

L’azienda di Mark Zuckerberg ha fatto sapere che la criptovaluta di Facebook prende il nome di Libra con dettagli e caratteristiche differenti rispetto alle altre Altcoin. Per molti è considerata come l’evoluzione del social nei confronti dell’innovazione.

Intanto il metodo migliore per investire in criptovalute rimane quello delle piattaforme CFD. In questo articolo vedremo anche qualche informazione su 24option (trovi qui il sito ufficiale) che è attualmente la migliore piattaforme per operare sulle principali criptovalute.

Criptovaluta Libra: il progetto Facebook

Solo negli ultimi mesi si è avuta notizia da parte del social di una profonda opera di restyling; qui la criptovaluta LIBRA è vista e considerata solo come il punto d’arrivo di tutto il processo.

Certamente l’idea di dare vita ad un moneta propria è nata diverso tempo addietro, quando il social si è posto come obbiettivo quello di racimolare un miliardo di dollari intorno al lancio del suo “personale Bitcoin”.

L’intento? Creare un nuovo sistema di pagamento digitali.

Al fine di raggiungere i suoi scopi e per garantire anticipatamente l’accettazione di suddetta crypto, Facebook ha avviato alcuni colloqui con colossi del pagamento online, del calibro di Visa e Paypal.

Questo vuol dire che Facebook è messo alla testa di un consorzio di sviluppatori con il chiaro intento di creare dei servizi legati all’invio di denaro in tutto il mondo in modo semplice e gratuito tramite la criptovaluta di Facebook.

Attenzione perché questa non potrà e non dovrà mai essere gestita dai social. Essa è invece gestita da una no profit che supporta da una serie di società e organizzazioni.

Zuckerberg allo stesso tempo afferma di poter trarre profitto dal progetto per mezzo di Calibra ovvero il portafoglio digitale adatto alla memorizzazione e allo scambio della valuta. Calibra, Libra e facebook sono e continueranno ad essere entità completamente separate.

Libra: dettagli e caratteristiche della criptovaluta

Analizzando la criptovaluta Facebook possiamo notare che essa vanterà numerose ed evidenti differenze rispetto a qualsiasi altra moneta virtuale oggi esistente.

Al momento sembra che Libra avrà un valore stabile (stablecoin) e come tale non sarà soggetta alle fluttuazioni e alla volatilità tipicha del mercato. Se davvero fosse così, essa preclude la possibilità di essere utilizzata dai trader per essere tradata. Questo però permetterebbe al suo inventore di facilitare i micro pagamenti. Ecco la ragione della sua nascita.

Si parla oggi anche di blockchain open source, dove la gestione complessiva spetterà alla Libra Association (no profit la quale è organizzazione ed avrà base in Ginevra, Svizzera).

Tra le sue caratteristiche ci sono:

  • Accessibilità;
  • Stabilità;
  • Sicurezza.

Nel caso del wallett Calibra invece, esso sarà dotato di imponenti sistemi di sicurezza i quali si pongono come scopo quello di proteggere soldi e informazioni degli utenti.

Anch’esso sarà soggetto a stesso trattamento inerente a processi di verifica e antifrode che sono utilizzati per le banche e le carte di credito. In essa saranno introdotti sistemi automatizzati i quali hanno come scopo quello di monitorare, rilevare e prevenire comportamenti fraudolenti.

Infine, per tutti gli utenti viene messa a disposizione l’assistenza live nel caso si verificassero dei furti o degli smarrimenti di smartphone e password. Questo sistema di pagamento sembra che al momento non prevede l’applicazione di commissioni per effettuare acquisti online.

La criptovaluta potrà infine essere scambiata sugli altri social,compreso Messenger, Instagram e Whatsapp.

  • L’obiettivo? Rendere il conio digitale accessibile a tutti gli utenti.
  • Quando arriverà? Secondo quanto stabilito da un comunicato stampa, il lancio del conio digitale avverrà nel 2020 e non prima.
    Per il 2020, infatti, si prevede un anno veramente impegnativo considerando che esse dovranno fare i conti con l’halving del Bitcoin.

Tutti gli sviluppatori hanno per altro ammesso di trovarsi ancora ad uno stadio iniziale del progetto Libra e come tale non si dispone di ulteriori dettagli.

Come investire in cripotvalute?

Se non si può investire sulla LIBRA, allora sarebbe bene investire sulle altre criptovalute. In questo caso si potrebbe scegliere di investire in Bitcoin e Altcoin con le piattaforme di trading online, le quali per mezzo del trading CFD permettono di investire su di esse a prescindere dalla direzione del prezzo che esse prendono.

E’ possibile fare questo scegliendo una delle piattaforme di trading online regolamentate. Noi consiglieremmo di utilizzare eToro (clicca qui per il sito ufficiale) o anche 24Option (clicca qui per il sito ufficiale).

Per mezzo di questi broker tutti i trader, principianti ed esperti, possono scegliere di speculare sul valore del Bitcoin e di LItecoin, come anche di Ripple e di tutte le altre criptovalute che sono offerte.

Notate bene che se si sceglie eToro si può scegliere di investire e fare trading con i CFD sia su criptovalute sia anche su altri asset, come il noto mercato forex o anche le azioni, o le opzioni e meglio ancora le materie prime. In questo caso si può investire con la piattaforma di social trading e di copy trader.  Puoi sfruttare i vantaggi del social trading, cliccando qui.

Se invece si vuole scegliere il broker 24Option, esso ti mette a disposizione un sevizio davvero eccellente di segnali di trading che puoi sfruttare per non sbagliare i tuoi investimenti, come anche un servizio di formazione gratuito, coordinato da un certo di assistenza veramente impeccabile che permette di ricevere assistenza in merito ad un qualsiasi vostro asset.

Qual’è l’obbiettivo di Libra?

Libra si pone come scopo quello di permettere agli sviluppatori e alle imprese di costruire sempre nuovi prodotti legati a servizi finanziari inclusivi per le persone in tutto il mondo. Tutto questo verrà reso possibile dalla Libra Blockchain, costruita da zero per dare priorità a scalabilità, sicurezza, affidabilità e flessibilità. In questo, Libra Reserve (una riserva di attività reali) sosterrà la valuta Libra. Essa è tale perché fornisce bassa volatilità e ampia accettazione.

Al fine di incrementare la fiducia e la stabilità, il social network cede parte del controllo di questa blockchain privata alla Fondazione che la gestirà.

Al momento, tra i membri che la gestiranno ci saranno differenti esponenti di spicco che noi abbiamo riportato suddividendoli per categorie.

  • Pagamenti:
    • Mastercard;
    • PayPal;
    • PayU;
    • Stripe;
    • Visa.
  • Tecnologia e mercati:
    • Booking Holdings;
    • eBay;
    • Facebook/Calibra;
    • Farfetch;
    • Lyft;
    • Mercado Pago;
    • Spotify AB;
    • Uber Technologies;
    • Inc.
  •  Telecomunicazioni:
    • Iliad;
    • Vodafone;
  • Blockchain:
    • Anchorage;
    • Bison Trails;
    • Coinbase;
    • Inc.;
    • Xapo Holdings Limited;
  • Capitale di rischio:
    • Andreessen Horowitz;
    • Breakthrough Initiatives;
    • Ribbit Capital;
    • Thrive Capital;
    • Union Square Ventures.

Conclusioni

In attesa di sviluppi delle criptovalute, il metodo migliore consiste nello sfruttare le piattaforme REGOLAMENTATE. Ce ne sono moltissime, 24option (qui trovi il sito) è un esempio di qualità eccelsa, ma ce ne sono molte altre.

In queste scorse settimane abbiamo assistito ad un rialzo generale delle criptovalute e del Bitcoin in particolare. Molti investitori hanno pensato che le criptovalute stessero tornando alla ribalta ed hanno deciso di investire nuovamente su di esse.

Da questa prima ascesa, però, ne è risultato un calo abbastanza consistente che ha fatto bloccare il Bitcoin al di sotto degli 8000 dollari. In pratica il prezzo del Bitcoin è affondato e con esso il resto del comparto.

E’ una situazione in cui molti trader stanno speculando sfruttando i movimenti del prezzo del Bitcoin, più in generale delle criptovalute. Per partire è necessario come sempre individuare una piattaforma regolamentata che consenta di investire in criptovalute. Ad esempio siti come 24option (qui il sito ufficiale) offrono una sezione molto ampia dedicata alle criptovalute. E’ una piattaforma che viene utilizzata molto attualmente in quanto ha il vantaggio di avere un servizio di segnali gratuito per tutti gli iscritti. In pratica si tratta di analisi fornite da esperti che permettono di capire come si muoverà il mercato e investire per sfruttare il momento e fare profitti. Trovi il servizio di segnali gratis qui..

Ma questo crollo, a cosa lo si deve?

Possiamo dire che le quotazioni legate alle criptovalute sono oggi tornate sotto il controllo degli orsi? Questo non lo possiamo dire con certezza, ma possiamo solo affermare che il Bitcoin è ancora oggi sotto gli $ 8.000. Bisogna attendere i prossimi giorni per confermare quest’ipotesi.

Quello che oggi sappiamo con certezza, è che il prezzo del Bitcoin è in forte calo (proprio in queste ore). Ma allora come comportarsi? E soprattutto perché il prezzo del Bitcoin è crollato nuovamente?

Per analizzare il perché dobbiamo precisare che non solo il Bitcoin è crollato nuovamente, ma è crollato tutto il comparto, con quotazioni e criptovalute ad esso collegate che hanno fatto altrettanto. Esse oggi scambiano al ribasso, preda anche della debolezza del mercato.

E’ possibile notare che in questo periodo la capitalizzazione complessiva del mercato ha profondamente risentito di questi ribassi. Si tratta a ben vedere di ribassi generali e non solo del Bitcoin.

Se si analizza Il grafico del Bitcoin, come anche quello delle altre criptovalute, è possibile notare come in diverse ore sono stati bruciati ben oltre 20 miliardi di dollari (solo per il Bitcoin).Potremmo definire questa performance come una delle peggiori degli ultimi tempi, per altro legata a tutto il comparto delle crypto.

La settimana scorsa sembrava che il Bitcoin facesse tornare a ben sperare, invece, oggi si registra una perdita vicina al 10%, dopo aver sfiorato i $ 9.000 nei giorni passati.

Il Prezzo del Bitcoin affonda: come e perché?

Sono passate solo pochi giorni da quando trader e investitori hanno nuovamente puntato sulle criptovalute. In modo particolare sono stati diversi gli investitori che hanno pensato al Bitcoin e alle cripto ad esso connesse, per investire. In molti hanno pesato che stessero ritornando sui valori ottimali di pre-crisi registrata oltre un anno fa.

Oggi invece si registra un netto calo della quotazione del prezzo della criptovaluta più famosa al mondo. Essa ha fatto registrare un perdita di valore di oltre 1000 dollari. Analizzando le quotazioni delle altre valute è possibile notare come anche queste hanno fatto registrare una perdita compresa tra il 5% e il 15% circa.

Da questi dati, alcuni analisti vedono una flessione del prezzo del Bitcoin derivante da alcune strategie e mosse messe in campo dalla cosiddetta balena. In pratica prima ha venduto e poi dopo il tonfo, ha ricomprato una grande quantità di BTC.

L’intento?  Quello di guadagnare! Oggi si registra un potenziale guadagno di diversi milioni di dollari.

Sulla base di quelli che sono i dati forniti nelle ultime ore, si è scoperto che la BALENA ha spostato ben 25.000 Bitcoin (corrispondenti a ben $200 milioni) da un portafoglio virtuale all’exchange californiano Coinbase. Successivamente, abbiamo scoperto che ha spostato nuovamente 14.000 BTC ($112 milioni) dalla piattaforma verso un altro portafoglio. Ancora ha spostato altri 11.000 COIN ($88 milioni).

Il risultato?

Si sono venduti ben 25 mila BTC per un valore di prezzo pari a $215 milioni per poi ricomprali immediatamente (dopo il tonfo delle quotazioni) per un valore di $200 milioni.

Il guadagno ottenuto è pari a 15 milioni di dollari.

Una mossa astuta non pensi? Certamente è stata una delle mosse più audaci mai registrate, che per forza di cose ha fatto registrare un impatto sul prezzo del Bitcoin e sulle quotazioni delle criptovalute restanti. Per altro lo ha fatto in modo abbastanza marcato!

Se prendiamo in esame anche Ethereum possiamo vedere come essa sia scivolata nuovamente a $ 244 da una quotazione ormai raggiunta di $ 260. Come potete notare la perdita è abbastanza consistente! Lo stesso dicasi per Ripple, che anche se più contenuta, ha comunque fatto registrare una perdita portandosi a $ 0,40 da $ 0,44.

Infine, un ultimo sguardo lo possiamo dare alle altre altcoin, come ad esempio EOS che ha subito delle perdite a doppia cifra in termini percentuali.

E’ possibile continuare a sperare?

Nonostante una timida ripresa della settimana scorsa, ancora oggi non possiamo affermare che il mercato delle criptovalute è in ripresa. Sapevamo bene che si trattava di un asset abbastanza volatile, ma sbalzi di valore di questo tipo, nessun trader se li aspettava. Ancora oggi, infatti, tutto il comparto sembra proseguire in calo. Nello specifico il prezzo del Bitcoin sta ancora perdendo terreno e sta facendo registrare una perdita di quasi 10 punti percentuali rispetto ad una settimana addietro . Il suo valore si attesta sui $ 7.800. Non ci resta che attendere i prossimi giorni per capire se davvero il mercato è in ripresa o meno. E’ probabilmente il momento migliore per sfruttare piattaforme come eToro (clicca qui per il sito ufficiale) che permettono di copiare da altri trader, in modo da vedere come si stanno muovendo in questa situazione di volatilità per trarne il maggiore profitto possibile.