Giorgio Armani Spa: utile bilancio 2016

Giorgio Armani Spa: utile bilancio 2016

La Giorgio Armani Spa non distribuisce nessun dividendo e destina l’intero utile a riserva straordinaria. È quanto emerge dal bilancio dell’esercizio 2016 della nota società di moda. Cresce l’utile di gruppo. Le stime per l’anno in corso risultano positive.

Giorgio Armani Spa: utile 2016

L’esercizio 2016 si è chiuso con un utile consolidato di gruppo in crescita del 12,5 per cento a quota 271 milioni di euro mentre i ricavi sono scesi del 5 per cento a 2,5 miliardi di euro.

Nel dettaglio, a livello di Spa, i ricavi sono diminuiti dell’1,4 per cento a quota 1,676 miliardi di euro e l’utile netto è calato del 15 per cento a 199,5 milioni di euro. In forte flessione, del 28 per cento, il margine operativo lordo (Ebitda) a circa 180 milioni di euro mentre i costi operativi sono aumentati di 85,8 milioni.


Hai mai provato ad investire con il trading binario ? E' una modalità di investimento che molte persone stanno utilizzando per ottenere profitti ulteriori. Affidati ad un broker regolamentato come IQ Opption. Se cerchi un sito sicuro con cui iniziare a guadagnare è il broker che fa per te. Provalo subito qui


Sempre con riguardo ai conti della sola Spa, la posizione finanziaria netta risulta positiva per 774,9 milioni di euro. Il patrimonio netto è pari a 1,65 miliardi di euro e il flusso di disponibilità “cash” si è attestato a 797,8 milioni di euro.

Giorgio Armani Spa: costi e royalty

Nell’esercizio 2016 la Giorgio Armani Spa ha registrato un ammontare di ricavi, derivanti dalla cessioni di beni e servizi, pari a 1,49 miliardi di euro, un dato in lieve flessione da quota 1,5 miliardi di euro archiviati nel 2015.

In flessione anche le entrate provenienti dalle royalties a quota 184,4 milioni di euro a fronte dei 194 milioni del precedente esercizio.

Con riguardo ai costi, sono salite le spese sostenute per l’acquisto di materie prime a quota 870,5 milioni di euro a fronte di uscite di 832,8 milioni nel 2015.

In aumento anche i costi per il personale della maison, saliti nel periodo in esame a 103,7 milioni di euro, un dato in crescita di 5,7 milioni dai 98 milioni di euro sostenuti nell’esercizio 2015.

Cresce l’indebitamento di Armani a quota 699 milioni di euro (+233,8 milioni) rispetto al 2016 ma principalmente nei confronti di fornitori e terzi. A tal riguardo è opportuno sottolineare che nessun impegno è stato assunto nel periodo e sono pari “a zero” i debiti nei confronti di banche e istituti creditizi.

Infine per quanto concerne le previsioni sui conti per l’anno in corso, il management del gruppo, come riportato nei documenti di bilancio, si attende risultati in ulteriore crescita.

NESSUN COMMENTO

Rispondi