Alitalia: ricavi in aumento e rosso in calo

Alitalia ha archiviato il primo trimestre dell’anno con una perdita operativa ridotta di circa la metà e ricavi in aumento. È quanto emerge dai dati diffusi dai commissari della compagnia, Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari, nel corso di una audizione alla Commissione speciale del Senato.

Alitalia trimestrale 2018

La prima trimestrale dell’anno per Alitalia si chiude con ricavi in crescita del 4 per cento a quota 597 milioni di euro. Nel dettaglio, gli introiti derivanti dal traffico passeggeri è risultato in progresso del 6 per cento rispetto all’analogo periodo del 2017.

L’ebitda, al netto dei ricavi e degli oneri non ricorrenti, riduce la perdita a -117 milioni di euro a fronte di un precedente rosso di 228 milioni.

Dall’inizio dell’amministrazione della compagnia (maggio 2017) allo scorso mese di dicembre, i ricavi sono rimasti pressoché stabili a quota 2,102 miliardi di euro rispetto ai 2,106 miliardi registrati nell’analogo periodo del 2016.

Sempre nell’intervallo maggio-dicembre 2017, il margine operativo lordo della compagnia è stato negativo per 24 milioni di euro, un dato in forte diminuzione rispetto ai -190 milioni dello stesso arco temporale del 2016.

Alitalia, preservare la cassa

Il risultato operativo nel trimestre per Alitalia, al netto delle poste non ricorrenti, è stato registrato in miglioramento a -167 milioni di euro rispetto al rosso di -279 milioni dei primi tre mesi del 2017.

Complessivamente i costi sono risultati pari a 714 milioni di euro, un dato in flessione dagli 800 milioni di euro archiviati nello stesso periodo dello scorso anno.

Nel dettaglio, i costi per l’acquisto di carburanti sono scesi del 12,1 per cento a quota 153 milioni di euro ed i costi per il personale diminuiti del 7,1 per cento a 138 milioni.Al 30 aprile 2018 la cassa di Alitalia è salita a 769 milioni di euro dagli 83 milioni registrati nello stesso mese del 2017.

Il commissario straordinario di Alitalia, Luigi Gubitosi, durante l’audizione alla Commissione speciale del Senato, ha sottolineato l’importanza delle future decisioni che saranno adottate dal nuovo governo. Nel frattempo faranno tutto il possibile per preservare la cassa della compagnia.

È intervenuto sulla vicenda anche il presidente dell’Enac, Vito Riggio, evidenziando che la crisi di Alitalia produrrà effetti negativi ancora più devastanti di quelli finora avuti sull’aeroporto di Fiumicino se al più presto non verrà trovata una soluzione definitiva.

NESSUN COMMENTO

Rispondi